DELFINI, ON.BRAMBILLA AL GOVERNO: QUALI PROVVEDIMENTI CONTRO LA CACCIA ILLEGALE?

14 Ottobre 2014 18:520 commentiViews: 7

Con quali strumenti il governo intende contrastare il fenomeno della caccia illegale a delfini (soprattutto tursiopi e stenelle) effettuata per consumarne o commerciarne sottobanco la carne. Lo chiede l’on. Michela Vittoria Brambilla anche in rappresentanza della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, in un’interrogazione ai ministri della Salute, dell’Ambiente e delle Politiche agricole, ispirata dalla triste fine del cucciolo di delfino “Goccia”, la cui carcassa è stata ritrovata la scorsa settimana sulla spiaggia di Golfo Aranci con la parte dorsale asportata. L’animale, insomma, sarebbe stato macellato per ricavarne il cosiddetto “musciame”: filetti da salare ed essiccare.
“Il caso – sottolinea la parlamentare – non appare isolato, ma emerge, in diversi territori Italiani e come già denunciato ampiamente da un Servizio televisivo de “Le Iene”, un vero e proprio sistema di cattura, uccisione, smembramento, trasporto, commercio e consegna degli animali appartenenti ad alcune specie protette di cetacei”. Con due risvolti preoccupanti, dai riflessi penali. Innanzitutto – nel bel mezzo del “Santuario dei cetacei” tra Sardegna, Corsica e Liguria – la cattura e l’uccisione di animali che per legge è vietato catturare ed uccidere, ma anche la circolazione di carne potenzialmente pericolosa per la salute. I delfini si collocano, infatti, la vertice della catena alimentare marina ed i loro tessuti contengono elevate concentrazioni di contaminanti organici persistenti (composti xenobiotici) e di parassiti nocivi.
Di qui la richiesta al governo di intervenire per fermare questa attività illecita e punire adeguatamente i colpevoli.
“I delfini – ricorda Ilaria Ferri, direttore scientifico dell’Enpa – non possono in alcun modo essere pescati, uccisi, commercializzati e destinati al consumo alimentare, anche perché le loro carni sono altamente pericolose per la salute umana. Non si tratta solo di un problema penale, ma sanitario”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi