Notaresco. La regione verde incontra l’isola di smeraldo: il 13 e 14 settembre a Notaresco il 1° Irish Festival in terra d’Abruzzo

12 settembre 2014 18:200 commentiViews: 63

 

Anteprima assoluta nel panorama regionale: dalle 18 a notte fonda una “full immersion” tra suoni, atmosfere, sapori e leggende dell’isola di smeraldo. Dalla collaborazione tra l’amministrazione di Notaresco e i giovani dell’associazione “Innocent Smith”

La regione verde incontra l’isola di smeraldo: il 13 e 14 settembre in anteprima assoluta a Notaresco si celebra l’Abruzzo Irish Festival: il primo festival di cultura, tradizioni e tipicità irlandesi in terra d’Abruzzo. Lezioni di danza irlandesi, concerti e session live con esibizioni di band folk che si ispirano alla musica celtica, degustazioni di birre, sigari, whiskey e specialità tipiche irlandesi, reading poetici sulle orme di Yeats e tanto altro nel ricco programma della due-giorni. Ad illustrarlo sono intervenuti al Consorzio BIM il sindaco di Notaresco, Diego Di Bonaventura, l’assessore agli Eventi, Antonina Speziale, e Matteo Canzari dell’Associazione culturale “Innocent Smith” di Pescara.

“Alla base di questo progetto, che si caratterizza come un’anteprima assoluta nel panorama regionale – spiega il primo cittadino di Notaresco, Di Bonaventura -, c’è stata una piena sinergia tra la nostra amministrazione, che intendeva promuovere un evento di richiamo e diverso rispetto all’offerta presente sul territorio, e l’associazione “Innocent Smith”, ideatrice e promotrice del Festival.  Un modo per concludere in bellezza il nostro cartellone estivo “Notaresco Cult 2014,” mantenere vivo il centro storico anche a metà settembre e favorire l’incontro tra culture e tradizioni diverse. E il primo Irish Festival d’Abruzzo sta già riscuotendo grandissimo entusiasmo e interesse, anche oltre i confini regionali, sui social network”.

Abruzzo e Irlanda: due terre fatte di scenari aspri, rocciosi ma straordinariamente accoglienti, vivaci ed ospitali.  “Geograficamente lontane, ma vicine nello spirito – spiega Matteo Canzari –  da qui prende mosse il Festival, nato dall’idea della nostra associazione di dare vita ad un inedito incontro-confronto tra territori ricchi di storia, fascino e tradizioni. Grande protagonista dell’evento naturalmente la musica irlandese, con il suo ricco repertorio e i suoi molteplici strumenti caratteristici, che evocano sonorità centenarie. In tutto avremo una batteria di oltre 55 artisti di fama, che si esibiranno tra palco e sessioni live acustiche”.

Gli eventi in programma iniziano alle ore 18, sabato e domenica, per protrarsi fino a tarda notte.

Sabato 13 si comincia, dalle 18, session live dei “The Shire” (Centrostorico cafè), una band italiana che dal ’98 si occupa di musica irlandese tradizionale e celtica, tra le predilette, per varietà del repertorio e qualità delle esecuzioni, dell’Ambasciata Irlandese e dell’Irish College. Dalle 19 sulle balconate in via Monti spettacolo dei “Pipers”. Presso il Caffè imperiale, dalle 19, invece, session live dei “Mountain Waves”, gruppo abruzzese di recente formazione.

Sempre dalle 19 partono, inoltre il percorso culturale “I misteri dei castelli irlandesi” (Cantina in piazza): un viaggio intrigante nelle storie e le leggende che rendono i castelli celtici luoghi di mistero, e il Fiddle Workshop tenuto da Marco Fabbri (Cantina via Monti), un seminario di musica tradizionale irlandese tenuta da un grande maestro (già componente degli “Ultan”, folk band di Belfast)  di tecnica base del violino e di musica irlandese.

Dalle 20.30 alle 21.15, in piazza principale, il Workshop di danza irlandese: ritmo energico, velocità, equilibrio, festa, incontro con le lezioni di passi base delle danze tipiche irlandesi tenute da ballerini professionisti della Gens d’Ys, la più importante scuola di ballo irlandese in Italia. Dalle 21, nella cantina in piazza, degustazione di sigari e whisky irlandesi: un percorso introdotto e spiegato da esperti degustatori tra le sensazioni inconfondibili dello stravecchio originale fatto a mano che si fondono con il timbro amaro del whisky e un parallelo tra sigari irlandesi e italiani.

All’Abruzzo Irish Festival non poteva certamente mancare uno spazio dedicato alla poesia: in Vicolo Civitello, dalle 21 alle 22, con il reading poetico tenuto da Davide Tartaglia, che darà voce  ai più grandi interpreti della letteratura irlandese: da William Butler Yeats a Seamus Heaney passando per Joyce, e tentando un incontro tra le terre e la parola, per approfondire un legame tra culture lontane eppure reciprocamente attratte.

Presso il Centrostorico Cafè, alle 21, session live dei “Red Pack” e, fino alle 23, itinerante anche un angolo di Scozia all’Irish Festival, con le cornamuse della caratteristica “City of Rome Pipe Band”, che con i suoi 12 anni di storia è la prima banda di cornamuse e tamburi scozzesi d’Italia.

Dalle 23.30, sulla piazza principale concerto dei “The Reebers”, folk irish band pescarese che reinterpreta al suono di violini, pipes, banjo, e percussioni le canzoni più popolari della tradizione irlandese e le più rinomate pub songs.

La musica prosegue con le live session all’interno di cantine e locali del centro storico fino a notte fonda. Domenica 14, dalle 18 alle 20, si esibiscono i “Mountain Waves” (Centrostorico cafè) e, dalle 20 alle 22 al Caffè Imperiale si canta e si balla con i “Finnegan’s Wake”, un energico quintetto (violino, banjo, chitarra, pianoforte e bodhran). Riproposti anche domenica, inoltre, il percorso culturale alla scoperta dei misteri dei castelli celtici (ore 19 e 21), degustazione di sigari e liquori (ore 21).

Alle 22 gran concerto finale dei “The Clan”, band irish rock brianzola, formatasi a settembre 2013 dall’incontro fortuito tra artisti provenienti da vari progetti musicali e accomunati dalla passione per l’Irlanda e il suo inconfondibile sound.

Inoltre, sia sabato che domenica, a Notaresco “full immersion” nella cucina irlandese, con  la possibilità di degustare tante specialità tipiche: come il pane con l’uvetta, l’Irish bread, e le carni come l’Irish Stew,il il Beef and Guinnes Stew, il cibo di strada: Fish and chips, le zuppe Lamb soup, Calcannon, poi i dessert come l’Irish apple cake, il Whiskey Pie, i dolcetti del dopo pasto, gli Irish brownies e l’immancabile Irish Coffee.

Per tutti gli appassionati, l’Irish Festival è naturalmente anche il Festival delle grandi birre irlandesi, dove sarà possibile degustare Guinness, Murphy’s , Harp Lager e KilKenny.

Oltre alla gastronomia e alle specialità irlandesi, inoltre, tra gli eventi collaterali che animeranno la due-giorni: la mostra fotografica che spazia tra paesaggi d’Irlanda e d’Abruzzo, a cura dell’Associazione “CFC”, lo spazio gestito dall’Associazione “Weekend’Arte” e il mercatino di prodotti tipici artigianali.

PROGRAMMA

SABATO 13 SETTEMBRE 2014
18:00 – 20:00 (Centrostorico cafè) – Session live “The Shire”
19:00 – 19:30 (Balconate in via Monti) – Pipers (Spettacolo)
19:00 – 20:00 (Cantina in piazza) – I misteri dei castelli irlandesi (Percorso culturale)
19:00 – 20:00 (Cantina via Monti) – Fiddle workshop tenuto da Marco Fabbri
19:30 – 21:30 (Caffè Imperiale) – Session live “Mountain Waves”
20:30 – 21:15 (Piazza principale) -Workshop di danza irlandese
21:00 – 22:00 (Cantina in piazza) – Degustazione sigari e whisky irlandese
21:00 – 22:00 (Vicolo Civitello) – Reading poetico tenuto da Davide Tartaglia
21:00 – 23:00 (Centrostorico cafè) – Session live “Red Pack”
21:15 – 23:15 (Itinerante) – City of Rome Pipe Band
23:30 – 01:30 (Piazza principale) – THE REEBERS
01:30 – in poi (Centrostorico cafè) – Session finale

 

DOMENICA 14 SETTEMBRE 2014
18:00 – 20:00 (Centrostorico cafè) – Session live “Mountain Waves”
19:00 – 20:00 (Cantina in piazza) – I misteri dei castelli celtici (Percorso culturale)
20:00 – 22:00 (Caffè Imperiale) – Session live “Finnegan’s Wake”
21:00 – 22:00 (Cantina in piazza) – Degustazione sigari e whisky irlandese
21:00 – 22:00 (Cantina in piazza) – I misteri dei castelli irlandesi (Percorso culturale)
22:30 – 00:30 (Piazza principale) – THE CLAN – Irish Rock n’ Folk band

 

Attività collaterali per tutta la durata dell’evento:
Zona ristoro: gastronomia e specialità tipiche irlandesi
Spazio dell’associazione WeekEnd’ARTE: tra enogastronomia ed arte
Mostra Fotografica a cura dell’associazione “CFC“
Mercatino artigianato

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi