Italia. STRAGE DEI DELFINI IN GIAPPONE, BRAMBILLA: “IL GOVERNO ITALIANO SI FACCIA SENTIRE”

3 Settembre 2014 19:160 commentiViews: 11

Il governo italiano si impegni in tutte le sedi opportune per far cessare
il massacro di cetacei che ogni anno, da settembre ad aprile, ha luogo nel
Sud del Giappone, a Taiji e nei villaggi vicini. Lo chiede l’ex ministro
Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa
degli Animali e dell’Ambiente.

“Nonostante la mobilitazione internazionale e il documentario premio Oscar
“The Cove” che ha mostrato al mondo gli orrori della “mare di
sangue” – ricorda l’on. Brambilla – le autorità locali pare non abbiano
intenzione di vietare questa forma tradizionale di caccia, che
consiste nel sospingere i delfini in una baia chiusa dove gli animali sono
uccisi a colpi di bastone e di fiocina e poi macellati sul posto. I più
piccoli invece sono destinati a “rifornire” i parchi acquatici di tutto il
mondo. Si calcola che in ogni stagione siano circa 22 mila i cetacei
che perdono la vita nelle acque di Taiji”.

“Il governo giapponese non può ignorare le manifestazioni di protesta non
violenta in 120 città del mondo, tra cui Milano, e i dubbi che
cominciano ad attraversare l’opinione pubblica del Sol Levante, finora poco
informata su ciò che accade nella lontana prefettura di Wakayama. Al
nostro governo, e in particolare al ministro degli Esteri Mogherini, che
presto ricoprirà la carica di Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e
la
Politica di Sicurezza dell’Unione Europea, il compito di trasmettere ai
colleghi di Tokyo le preoccupazioni e l’indignazione dell’intera comunità
internazionale”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi