Giulianova. Pronto soccorso. Il sindaco denuncia superlavoro e disagio per gli utenti: “Un forte apache assediato. Vengano i consigliere regionali a verificare”.

26 agosto 2014 17:280 commentiViews: 19

 

 

 

File estenuanti. Tempi lunghissimi di attesa. Utenti stremati. Personale medico e paramedico costretto a turni massacranti. Il sindaco Francesco Mastromauro interviene nuovamente sulla situazione dell’ospedale Maria Ss.ma dello Splendore, denunciando questa volta i problemi del Pronto soccorso e i disagi degli utenti.

visita sindaco in ospedale 1Davvero non è tollerabile la situazione. Pensavo, speravo che dopo il mio intervento  del 7 luglio scorso, e la nota giunta il giorno dopo dall’allora manager Rolleri con la quale si assicurava il potenziamento del Pronto soccorso con l’invio di due infermieri, il problema si sarebbe se non risolto almeno attenuato. Ma così purtroppo non è stato. Il personale medico e paramedico in servizio – dichiara il sindaco – è costretto a turni massacranti per fronteggiare una situazione che è da forte apache assediato. Gli utenti attendono ore. Le file sono lunghissime. Ed anche la sicurezza degli operatori, che pure si prodigano oltre ogni ragionevole limite, è praticamente inesistente. Eppure avevo prospettato quello che sarebbe accaduto. Ma tant’è. Ora chiedo un intervento deciso dell’assessore regionale alla Sanità Silvio Paolucci, mentre ai consiglieri regionale eletti nella provincia di Teramo, tutti, formulo l’invito a venire un giorno, uno qualsiasi, al nostro Pronto soccorso per rendersi conto personalmente della situazione”.    

 

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi