Castellalto. SEL: assemblea pubblica sul sistema di raccolta e conferimento dei rifiuti

26 Agosto 2014 17:310 commentiViews: 4

Venerdì 22 Agosto 2014, presso la Sala Consiliare del Comune di
Castellalto si è tenuta un’assemblea pubblica sul sistema di raccolta
e conferimento dei rifiuti, organizzata dal circolo SEL di
Castellalto, coordinato da Vincenzo Gramenzi, con l’obiettivo di
fornire un quadro sintetico della situazione attuale e di creare un
canale di comunicazione tra regione e territorio in vista
dell’approvazione del prossimo piano regionale rifiuti. Oltre alla
partecipazione del consigliere regionale di SEL, nonché assessore
all’ambiente, Mario Mazzocca, dell’Onorevole di SEL Gianni Melilla e
del segretario Regionale SEL Tommaso Di Febo sono stati coinvolti
numerosi sindaci, amministratori, operatori del settore e cittadini
dei comuni della provincia di Teramo. L’assemblea si è aperta con una
relazione dell’Ing. Katia Di Francescantonio, già candidata SEL alla
regione per la provincia di Teramo, che ha ricordato come l’Abruzzo,
pur avendo una produzione pro-capite di rifiuti inferiore alla media
nazionale, presenta costi di gestione e smaltimento tra i più alti
d’Italia, oltre alle diverse criticità ambientali e sociali che pesano
sul settore in questione da diversi anni. Perché un settore che
altrove è stato trasformato in risorsa in Abruzzo è solo un peso sui
bilanci delle amministrazioni? Le cause sono diverse: la mancanza di
una strategia comune che ha fatto rimandare per troppo tempo scelte
importanti, l’elevata frammentazione dei servizi di gestione (3,5
comuni per gestore), il deficit cronico di impianti di smaltimento
(particolarmente grave per la nostra provincia che a causa
dell’attuale carenza, conferisce fuori dal proprio ambito territoriale
organico e indifferenziato con costi sempre più elevati) e la
situazione del polo tecnologico CIRSU-SOGESA, che poteva essere un
fiore all’occhiello di questo sistema, ma che oggi versa in gravi
difficoltà. Tutto questo ha avuto riflessi negativi sul sistema
tariffario che pesa sempre più sugli utenti (che hanno diritto ad
avere servizi moderni ed efficienti) e ha comportato una perdita di
ricchezza da parte del sistema economico ambientale provinciale.

Alla fine della relazione sono seguiti numerosissimi interventi:
Domenico Saccomandi, Assessore all’ambiente del Comune di Castellalto,
ha sottolineato l’importanza di sostenere interventi quali il progetto
“Rifiuti a Km zero” (coordinato dal Dott. Lino Ruggieri, biologo,
docente di ecologia industriale presso l’Università degli Studi
dell’Aquila) e il rilancio del compostaggio domestico, che in Abruzzo
è fermo al 2% dei nuclei familiari, nonché l’importanza di sviluppare
azioni coordinate a livello di unione dei comuni piuttosto che avere
amministrazioni che agiscano singolarmente. Il sindaco di Castellalto,
Vincenzo Di Marco, l’ex consigliere provinciale Arch. Lucio Ricci e il
sindaco di Notaresco, Diego Di Bonaventura, hanno sottolineato la
necessità di una revisione delle normative che riguardano la post
gestione delle discariche (Decreto 36) e l’intervento della Regione
nella definizione di un sistema tariffario regionale unico per
garantire una maggior equità nei costi di gestione. Sono intervenuti
anche l’Ing. Carlo Taraschi, l’assessore all’ambiente di Bellante Enio
Chiavetta, il coordinatore SEL di Mosciano S. Angelo Marco Battestini,
il sindaco di Penna Sant’Andrea Federico Serrani e alcuni
rappresentanti dell’RSU di Sogesa.

Tante questioni aperte ma anche tante indicazioni e suggerimenti che
l’Assessore Mario Mazzocca ha raccolto con cura assumendosi il grande
impegno di assicurare continuità nel confronto pubblico per quanto
riguarda questi temi. Certamente non ci sono soluzioni pronte: la
prima fase è ascoltare e studiare le problematiche per poi riuscire a
redigere un piano il più possibile coerente con le esigenze dei vari
territori, senza dimenticare di semplificare il più possibile
l’attuale quadro normativo e di rimanere in linea con le concrete
disponibilità economico-finanziarie regionali ed europee. Un primo
passo sarà la costituzione, già annunciata in passato ma mai avviata,
dell’AGIR (Autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti
urbani): l’AGIR, ha commentato l’assessore Mazzocca, non sarà un nuovo
carrozzone burocratico, ma un ente utile e snello. Dovrà essere in
grado di dare maggiore visibilità e controllo alle amministrazioni
sull’organizzazione del sistema, e di stabilire paletti e ambiti
specifici entro cui sia pubblico che privato possono muoversi in
termini di modi e costi. “Il tema dei rifiuti è un tema sensibile” ha
infine concluso Mazzocca “Non basta la trasparenza, non basta snellire
le norme, non basta il colloquio: occorre piena condivisione tra le
amministrazioni, un patto reale che colleghi tutti i rappresentanti
delle istituzioni e gli amministratori per essere più efficaci ed
efficienti nel raggiungimento dei prossimi obiettivi”.

Circolo SEL Castellalto

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi