Vito Moretti presenta il suo nuovo libro di poesie dialettali LA CASE CHE NEN ZE CHIUDE (Edizioni Tabula fati)

21 Luglio 2014 17:460 commentiViews: 23

Mercoledì 23 luglio 2014 alle ore 19:00

presso la “Gioielleria Seccia”
C.so Vittorio Emanuele, 91 – ORTONA (Ch)

Vito Moretti presenta il suo nuovo libro di poesie dialettali

LA CASE CHE NEN ZE CHIUDE

(Edizioni Tabula fati)

Moderatore Rolando D’Alonzo

Parteciperà l’editore Marco Solfanelli

Ascom – Abruzzo continua con successo il ciclo “Poesia e Impresa”, il
mercoledì 23 luglio a Ortona, presso “La gioielleria Seccia”, attività
storica dal 1910 (Serietà, Eleganza e Raffinatezza: un leitmotiv che dura
da più di 100 anni), con la presentazione del libro “La case che nen ze
chiude” (Tabula Fati) del prof. Vito Moretti.
Presentiamo le nostre imprese sul territorio e i migliori autori abruzzesi
e continueremo avanzando i confini con autori e artisti nazionali e
internazionali. La crescita economica sembra un processo travagliato, ma
il vantaggio che abbiamo è la tradizione, la cultura. Questi incontri di
Poesia e Impresa stanno diventando un vero piano attivo, programma di
formazione, laboratori di comunicazione. La grande novità è la dualità:
bellezza interna e esterna. La strategia Ascom Abruzzo è la
internazionalizzazione di arti e di impresa e di evidenziare che tutto
parte dal contenuto; cuore, qualità, partecipazione.

Scheda del libro

L’uso del dialetto, in questo volume arca di Vito Moretti, mira ad
agevolare il riconoscimento della realtà e la sua restituzione agli spazi
più intimi, nei quali il tempo e le ragioni individuali si fanno vita,
esistenza quotidiana, itinerario da percorrere in solitudine o con quanti
si abbia d’intorno.
L’orizzonte di riferimento è quello della piccola comunità di San Vito
Chietino, con la sua parlata e con le sue risorse espressive, ma il poeta
allarga via via il suo sguardo fino a declinare sulla pagina gli
interrogativi, le inquietudini, gli snodi culturali e morali che sono
della sua stessa età e della sua complessa generazione, sicché i testi si
propongono anche come una arguta e profonda testimonianza della coscienza
contemporanea, della quale Moretti sa cogliere illusioni e disincanti,
speranze e sconfitte.
Si tratta, dunque, di una poesia che, pur sollecita ai rigori della
registrazione filologica, vuole essere anzitutto una ricerca di identità,
un percorso nell’esperienza concreta del vissuto e, in qualche modo, un
aprire e chiudere conti di una soggettività o, insomma, di un animo
critico che — di fronte alle tante parvenze e lusinghe della realtà —
cerca di scioglierne i drammi e di comprenderne le ragioni, ma con il
proposito di assecondare soprattutto ed esclusivamente un’appassionata
inclinazione creativa, propria di chi riserva a sé il solo esercizio di
poeta e ad altri le più congrue pertinenze etno-culturali e glottologiche.
L’avventura di Vito Moretti, quindi, per queste sue estensioni di
originalità e di pregnanza lirica, può dirsi davvero unica ed esemplare e
può certamente annoverarsi fra le migliori vicende letterarie di questi
ultimi decenni.

Vito Moretti
LA CASE CHE NEN ZE CHIUDE
Presentazione di Giorgio Bàrberi Squarotti
Premessa di Giovanni Tesio
Edizioni Tabula fati
[ISBN-978-88-7475-337-6]
Pagg. 344 – € 22,00

http://www.edizionitabulafati.it/lacasechenenzechiude.htm

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi