Mosciano Sant’Angelo. Arrestati tre serbi per furto in due abitazioni.

13 Giugno 2014 18:440 commentiViews: 19

Un pomeriggio a dir poco movimentato quello di ieri 12 giugno 2014. Erano circa le 14.00, quando tre serbi domiciliati in un campo nomadi del quartiere “Scampia” di Napoli, utilizzando mazze e altri attrezzi da scasso, dopo aver rotto le porte d’ingresso, sono penetrati in due abitazioni ubicate in Mosciano Sant’Angelo, in aperta campagna. Alcuni residenti nella zona, avendo notato movimenti sospetti, hanno immediatamente avvisato i Carabinieri ed in poco tempo è stato organizzato un vero e proprio rastrellamento con l’ausilio di tutte le pattuglie dei Carabinieri in circuito. Anche i Vigili Urbani di Mosciano hanno fornito il loro contributo. Le ricerche sono state effettuate in aperta campagna con canneti e rovi di spine che hanno reso il tutto molto difficile. Con non poche difficoltà, dopo circa venti minuti sono stati bloccati i primi due malviventi mentre il terzo è riuscito a nascondersi nella fitta vegetazione. Grazie alla preziosa collaborazione dei residenti della zona, ivi compresi i proprietari delle abitazioni oggetto di furto e loro familiari, dopo diverso tempo si è riusciti a bloccare e arrestare anche il terzo complice. Quest’ultimo ha riportato una lesione del polmone destro, probabilmente durante la fuga nel canneto. La refurtiva è stata parzialmente recuperata e restituita ai legittimi proprietari. A causa del terreno accidentato e della fitta vegetazione, rimanevano lievemente feriti quattro militari. I tre malviventi, tutti già noti per fatti di giustizia, sono stati tratti in arresto con l’accusa di furto aggravato in concorsoMITROVIC Rubin, 21enne e MALEZIC Denis, 39enne, sono stati rinchiusi nelle camere di sicurezza di questo Comando, in attesa dell’udienza di convalida fissata per il pomeriggio di oggi, mentre RADOSA Vljevic Dusko, 40enne, che ha riportato lesioni, è stato sottoposto ad intervento chirurgico presso l’Ospedale Civile di Teramo e costantemente piantonato dai militari dell’Arma in attesa di disposizioni dell’Autorità Giudiziaria.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi