Conferenza serpentini e Piloni a Bellante

8 maggio 2014 00:090 commentiViews: 18

Venerdì 9 maggio 2014, l’Associazione Culturale Nuove Sintesi vi invita a partecipare a due momenti storico-culturali “IL FASCISMO TRA DESTRA E SINISTRA” dello storico Elso Simone Serpentini e “I CRIMINI ALLEATI NEL MERIDIONE” di Emanuele Piloni (fondatore del Movimento Irredentista Italiano). L’incontro si terrà presso la saletta in Vicolo Mons. Oreste De Laurentiis (nelle adiacenze della chiesa), ore 17.30 Bellante Paese (Te). Ingresso libero. Per info 320-7534789.

 

Piccola introduzione al tema “IL FASCISMO TRA DESTRA E SINISTRA”:

“Il fascismo è stato storicamente un movimento di destra o di sinistra? Alla luce dello sviluppo storico successivo, è possibile definirne e delimitarne lo spazio politico entro i confini tradizionali delle ideologie definibili come destra e sinistra o è necessario, oltre che possibile, ricorrere ad altre categorie storiche, che oltrepassino gli angusti limiti di queste classificazioni? Qual è il senso lasciato ai posteri nei 18 punti di Verona”?

Piccola introduzione al tema “I CRIMINI ALLEATI NEL MERIDIONE”:
“Furono innumerevoli i crimini di guerra compiuti dagli eserciti anglo-americani durante l’invasione dell’Italia iniziata nel luglio 1943. Crimini rimasti nascosti per decenni per non intaccare il leggendario alone della trionfale marcia di liberazione che, insieme alla mitizzazione della lotta partigiana, costituisce ancora oggi il cuore della genesi dell’attuale repubblica. Assume quindi ancora più importanza riscoprire e raccontare le storie dei soldati italiani prigionieri fucilati sommariamente dagli americani e dagli inglesi in Sicilia, le migliaia di donne stuprate ed uccise durante l’invasione ed in particolare dopo la battaglia di Montecassino, i bombardamenti indiscriminati sulle città che causarono la morte di decine di migliaia di civili innocenti. Rendere giustizia a chi è stato sacrificato sull’altare della vulgata resistenziale come mezzo per riportare alla luce la verità: non ci fu nessuna liberazione ma una guerra di conquista in cui il popolo italiano si trovò preso nel mezzo, vittima delle barbarie di eserciti stranieri assetati di terra e sangue italiano.

 

 

*Davide D’Amario

Resp. Nuove Sintesi  Bellante

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi