MICHELANGELO PISTOLETTO E IL SUO TERZO PARADISO A L’AQUILA

1 Aprile 2014 18:290 commentiViews: 11

 

Giovedì 10 aprile 2014 alle ore 11.00 si terrà a L’Aquila, presso l’Auditorium del Parco, una tavola rotonda durante la quale, alla presenza di una rappresentanza istituzionale e scientifica, nelle persone del Sindaco dell’Aquila e della Rettrice dell’Università degli Studi dell’Aquila, Michelangelo Pistoletto diffonderà il messaggio del Terzo Paradiso e si metterà a disposizione della città e dei suoi attori, per accompagnare il processo di rinascita della città e del suo territorio.

Durante il pomeriggio dello stesso giorno, alle 16.00, nella piazza antistante l’Auditorium del Parco si terrà una grande performance collettiva con la realizzazione di un simbolo del Terzo Paradiso con la partecipazione della cittadinanza che sarà coinvolta a tutti i livelli (scuole, famiglie, giovani, anziani). Il Terzo Paradiso – l’ACquila, realizzato a terra, sarà realizzato con acqua – elemento naturale che rimanda alla nascita della città –  e secchi da cantiere – oggetto simbolo del costruire – e  si comporrà pian piano con l’intervento della gente comune, secondo le indicazioni in progress date dall’artista. Tutti sono chiamati a partecipare per contribuire al cambiamento!

La rivista MU6, trimestrale di arte, cultura, impresa, paesaggio, edito dall’Associazione Amici dei Musei d’Abruzzo e attivo dal 2006, sta portando avanti questo progetto presentato e curato da Antonella Muzi e, nell’ambito della IV edizione di RE_PLACE, la città si illumina di “nuovo”, ha invitato Michelangelo Pistoletto – straordinario ambasciatore dell’arte contemporanea italiana nel mondo e reduce da una personale al Museé du Louvre nell’estate 2013 – a portare in città il suo messaggio e la sua installazione del simbolo del Terzo Paradiso.

Queste le parole con cui Pistoletto definisce il progetto: «Il progetto del Terzo Paradiso consiste nel condurre l’artificio, cioè la scienza, la tecnologia, l’arte, la cultura e la politica a restituire vita alla Terra, congiuntamente all’impegno di rifondare i comuni principi e comportamenti etici, in quanto da questi dipende l’effettiva riuscita di tale obiettivo. […] Il Terzo Paradiso è il nuovo mito che porta ognuno ad assumere una personale responsabilità in questo frangente epocale. Il Terzo Paradiso è raffigurato simbolicamente da una riconfigurazione del segno matematico dell’infinito. Con il “Nuovo Segno d’Infinito” si disegnano tre cerchi: i due cerchi opposti significano natura e artificio, quello centrale è la congiunzione dei due e rappresenta il grembo generativo del Terzo Paradiso». (Michelangelo Pistoletto, Il Terzo Paradiso 2003 – 2012)

Il simbolo del Terzo Paradiso, ideato da Pistoletto nel 2003 ed esportato in molti Paesi del mondo, è portatore di un messaggio di rinascita e di impegno etico che ha un’importanza simbolica per L’Aquila e il suo cratere sismico, a distanza di quasi 5 anni dal terremoto del 2009.

L’obiettivo dell’intero progetto è il coinvolgimento della collettività, perché ciascuno offra il proprio personale contributo al rinnovamento e interiorizzi il senso di responsabilità e di appartenenza a una comunità che vuole rinascere.

Il Terzo Paradiso – l’ACquila

è un progetto a cura di Antonella Muzi

organizzato e realizzato da Associazione AMA e rivista MU6   www.rivistamu6.it

in collaborazione con Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, RAM radioartemobile, Artivazione e Università dell’Aquila

Con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, ANCE L’Aquila

Con il patrocinio del Comune dell’Aquila

Media partner : Il Centro

                             Laqtv

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi