Teramo. La storia di Liliana Serafini è la storia di una luna e inesorabile malattia. La Sla.

7 Marzo 2014 10:460 commentiViews: 7
“Il paziente affetto da SLA soffre di una degenerazione progressiva del motoneurone centrale e periferico, con un decorso del tutto imprevedibile e differente da soggetto a soggetto, con esiti disastrosi per la qualità di vita oltre che sulla sua sopravvivenza.
Le conseguenze di questa malattia sono la perdita progressiva e irreversibile della normale capacità di deglutizione (disfagia), dell’articolazione della parola (disartria) e del controllo dei muscoli scheletrici, con una paralisi che può avere un’estensione variabile, fino ad arrivare alla compromissione dei muscoli respiratori, quindi alla necessità di ventilazione assistita e in seguito alla morte. 
La SLA in generale non altera le funzioni cognitive, sensoriali, sessuali e sfinteriali del malato”.

Liliana abita con il marito Tonino in uno stabile Ater a Colleatterrato in via Giovanni XXIII

Ogni giorno il marito con un figlio, con un vicino di casa, porta in braccio Liliana per i 4 piani del suo appartamento. Una sorta di sedia umana.
In una di queste scalate Liliana donna forte e di coraggio, ha avuto una piccola crisi respiratoria.
Oggi è ricoverata in rianimazione all’Ospedale di Teramo.
Oggi è un anno dal Marzo 2013 quando fu protocollata la richiesta dell’ascensore.
Un diritto per chi è invalido al 100%.
Un diritto garantito dalla nostre tasse e da quella carta chiamata Costituzione.
Nel condominio di Liliana e Tonino risiedono un altro invalido al 100% e un’altra persona con disabilità al 75%.
Le promesse vane dell’Amministratore Unico dell’Ater di Teramo, il dott. Marco Pierangeli, le rassicurazione di impegno del Sindaco Brucchi
http://www.iduepunti.it/il-caff%C3%A8/14_gennaio_2014/brucchi-promette-lascensore-liliana-malata-di-sla
Il sorriso del Governatore Gianni Chiodi, il silenzio delle opposizioni, hanno portato all’esasperazione Tonino, la sua famiglia e gli amici.
Per questo motivo, in occasione della festa delle donna, Tonino Serafini, Giancarlo Falconi e la società civile, che vorrà essere solidale con la protesta pacifica,inizieranno uno sciopero della fame ad oltranza, fin quando non ci saranno rassicurazione documentate dell’inizio lavori dell’ascensore.
Liliana è una donna.
Liliana non è sola.
Liliana avrà il suo ascensore per sentirsi libera.
Noi siamo con Liliana…voi?

Tonino Serafini     338 2256310
Giancarlo Falconi 340 5304066

in allegato foto di Liliana con Tonino e uno dei figli…
Il video dell’ascesa quotidiana
http://www.youtube.com/watch?v=pi8UweMYaZ8
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi