Federica D’Amato il 7 marzo a Pescara: AVERE TRENT’ANNI

3 Marzo 2014 11:540 commentiViews: 7

Sabato 7 marzo alle ore 18 presso la libreria Feltrinelli di Pescara (via
Milano) sarà presentato “Avere trent’anni” l’ultima silloge di
poesia di Federica D’Amato, pubblicata dalla Ianieri Edizioni. A
parlarne con l’autrice uno dei più valenti scrittori italiani,
Giovanni D’Alessandro, narratore di romanzi che negli ultimi dieci
anni hanno segnato la memoria storica della letteratura italiana, fine
appassionato e conoscitore di poesia. Questa sarà la seconda data
abruzzese dedicata al nuovo libro della D’Amato, dopo la prima
presentazione che si è svolta a dicembre alla presenza del poeta Davide
Rondoni; nei prossimi mesi l’autrice porterà la sua poesia in giro per
l’Italia, da Bologna a Milano, Torino, Gaeta fino ad arrivare in
Sicilia. Una terza prova poetica, quella della D’Amato, che conferma
la sua insopprimibile vocazione al dettato poetico, una voce antica e
nuova al tempo stesso, una poesia cólta, dolorante, gentile, in linea con
le più alte esperienze d’avanguardia
del ‘900 europeo. «La regina dell’amore triste», l’ha definita
lo stesso Giovanni D’Alessandro, «la scoperta di una brava poetessa»,
ha detto di lei Domenico Calcaterra, uno dei più bravi critici letterari
italiani della nuova generazione. Il libro – ottimo prodotto editoriale
con il quale la casa editrice Ianieri ha voluto riportare in auge un certo
modo di fare editoria –, porta a conclusione la prestigiosa nota di
lettura di Luigi Trucillo, memorabile poeta della linea partenopea, voce
assoluta del panorama letterario italiano.
Sabato 1 marzo “Avere trent’anni” sarà presentato anche a Roma, alla
libreria Scripta Manent (via Pietro Fedele n°58), con la presenza
straordinaria dello scrittore Renzo Paris.

IL LIBRO Chissà perché i testi ancorati alle esitazioni delle fasi di
passaggio riescono a parlarci meglio dell’anacronismo degli spazi
interiori. La risposta più semplice è che con il proprio formalizzarsi
nell’indeterminatezza di una pausa riescono a fare dell’impasse un
movimento conoscitivo. Da questo punto di vista risultano quasi esemplari
gli esiti dell’ultima prova poetica di Federica D’Amato, che fin dal
titolo “Avere trent’anni”, si sofferma sullo sconcerto di chi al termine
della giovinezza si trova davanti alla necessità di un consuntivo. Tutti
abbiamo sperimentato l’importanza di quel personalissimo passaggio
obbligato verso l’indipendenza e la solitudine chiamato “linea d’ombra”.
Possiamo ben comprendere quindi quanto sia stimolante fare i conti con
quelle particolari sensibilità poetiche in cui questo passaggio si
rovescia nella comparsa di un’”ombra della linea”; nell’addensarsi cioè,
sul tratto ancora esitante di ciò che appare, delle nebbie e i fantasmi
che
possiedono segretamente ogni esperienza […]. Dalla nota introduttiva
“L’intraducibile” di Luigi Trucillo

L’AUTORE Federica D’Amato si occupa di editoria, giornalismo e
letteratura. Vive e lavora a Pescara.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi