Abruzzo

Costantini (Presidente Comitato Promotore per il sì): “Confronto politico pescarese a livello di assemblea condominiale”

 

 

«E’ umiliante per tutto il ceto politico pescarese la strigliata ricevuta ieri dall’Ance e dalla Confindustria della Provincia di Pescara.

Discutono di tutto. Del cambio di qua e del cambio di la; del cambio adesso o del cambio dopo: ma discutono sempre dell’aria fritta, evitando accuratamente di dire agli elettori come la pensano sul referendum del 25 maggio e sulla nascita della Nuova Pescara o cosa di altrettanto concreto e risolutivo proporrebbero, nel caso in cui fossero per il no». Lo dichiara Carlo Costantini, presidente del Comitato Promotore per il sì al Referendum del 25 maggio sulla fusione di Pescara, Montesilvano e Spoltore.

«Al momento auspico ancora che qualcuno, tra i 3-4 contendenti principali alla carica di sindaco, si faccia carico, senza se e senza ma, di sostenere il progetto, aiutandoci a divulgarlo e a renderlo noto ai quasi 200.000 cittadini coinvolti.

 

Anche perché – conclude Costantini –  se così non fosse, sarei costretto a rivedere la mia scelta di fare il supporter del candidato sindaco che sostiene il referendum, intervenendo personalmente nella campagna elettorale».

Pescara, 27 marzo 2014

print

Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.