Costantini (Comitato Promotore “Si”): “Questa volta decidono i cittadini, non i politici”

18 Marzo 2014 12:300 commentiViews: 7

 

«Apprendo della volontà di alcuni amministratori di Spoltore di ricorrere al Tribunale Amministrativo per impugnare il decreto di indizione del referendum sulla fusione dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore ed impedirne la celebrazione. Strana idea di democrazia, quella che coltivano a Spoltore». E’ quanto dichiara Carlo Costantini, presidente del Comitato Promotore per il Si al referendum del 25 maggio sulla Nuova Pescara per la fusione di Pescara, Montesilvano e Spoltore.

«Se si imbattono in qualcuno che avanza una proposta che non condividono – prosegue –  risolvono alla radice il problema, privando l’elettore della possibilità di esprimersi con il voto. Si rassegnino, però, perché questa volta a decidere saranno direttamente i cittadini, non i politici».

«Nel merito – spiega ancora Costantini –  pur non riuscendo ad immaginare quali violazioni di legge giustificherebbero un ricorso al Tar, mi permetto segnalare ai diretti interessati che i precedenti rinvenuti sono a loro sfavore, se non altro per la natura “consultiva” del referendum. Dunque, risparmino i soldi del ricorso e, se intendono davvero servire la loro comunità – conclude – utilizzino le risorse risparmiate per informarla e renderla il più possibile consapevole dell’importanza di questo appuntamento».

 

 

Pescara, 18 marzo 2014

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi