Castelli crocevia d’Europa con splendide ceramiche, paesaggi e molto altro di Gian Luigi Zucchini

23 marzo 2014 18:090 commentiViews: 32

 

 

 

Castelli è una graziosa cittadina alle falde

del Gran Sasso, luogo di serena accoglienza,

ricco di boschi e di belle visioni

montane, Qui, fin dal secolo XIII, è presente

un’attività antichissima, basata sulla lavorazione

dell’argilla. Manipolata in varie forme, dipinta e

cotta, la materia diventa arte. Si fabbricano così da

secoli, in questo luogo di vivace impegno creativo

e commerciale, vasi, anfore, servizi da tè e da caffè,

piatti, vassoi e contenitori di varie forme e misure,

decorati con l’abilità di un artigianato che, affinandosi

nel tempo, è diventato una vera e propria arte.

La ceramica di Castelli si distingue proprio per l’originalità

dei colori e della pittura, che riprende per

trazione quella Popolare del “500 e quella Barocca di fine Seicento

e del Settecento, con paesaggi gradevolissimi e colori delicati:

dal verde chiaro all’azzurro, dal marrone e giallo dorato.

Di questa storia di lavoro indefesso e di impegno

costante di tutta la comunità attraverso i tempi, resta

testimonianza molto ricca nel museo della ceramica,

ora allestito provvisoriamente nei locali del Palazzo

Municipale dell’Artigianato, poiché il vero e proprio fu

danneggiato seriamente dal recente terremoto che ha

sconvolto l’Aquila e le terre abruzzesi vicine. Colpisce,

tra l’altro, la bellezza di certi servizi di chicchere,

che nel museo sono d’epoca, e che sono però ancora

riprodotte per la vendita, secondo modalità che non

differiscono dall’antico, e che riprendono con abilità

d’eccezione gli scenari di quella ‘pittura di paesaggio’

che caratterizzò il Seicento e il Settecento, francese

all’inizio, con Poussin e Lorrain, e italiano, con

Annibale Carracci, Domenichino e tanti altri.

Proprio per questa continuità artigianale-artistica, Castelli,

dopo aver presentato il 7 febbraio 2014 la propria

candidatura al Consiglio d’Europa sull’itinerario

europeo del cioccolato, è stata inserita nel Percorso Culturale

“The chocolate way” . La città ha partecipato alla mostra

con l’esposizione delle chicchere del ‘700, entro

cui si sorbiva piacevolmente il cioccolato, come testimoniano

anche numerosi dipinti d’epoca.

Questo riconoscimento, che si aggiunge all’inserimento

dell’abitato nel “Club dei borghi più belli

d’Italia” e nelle Città della Ceramica, fa di questo piccolo centro

abruzzese un vero e proprio ambiente che è quasi d’obbligo

conoscere, sia dal punto di vista naturalistico che da

quello artistico. Infatti, oltre al museo locale, di cui

si è detto, si possono ammirare vere e proprie opere

d’arte ceramica eseguite anche recentemente dai

vari ceramisti del luogo, e dagli studenti della locale

scuola di ceramica. In particolare, non si dovrebbe

trascurare il bellissimo presepio eseguito a suo tempo

da Gianfranco Trucchia, docente della scuola e

notevole pittore, purtroppo scomparso alcuni anni

fa in giovane età. Le figure di questo lavoro artistico

sono monumentali, elaborate secondo una visione

di notevole modernità ed originali nella forma e nella

composizione, di grande impatti visivo.

Patria di grandi maestri della ceramica, viene spesso

ricordato, a Castelli, il professor Vincenzo Di Giosaffatte,

già docente e Preside della scuola, ora non

più vivente ma ancora ben presente nella memoria

dei concittadini e degli allievi, ora abili ceramisti

che lavorano la materia in modo originale e moderno,

come del resto lo stesso Di Giosaffatte aveva fatto,

ideando forme nuove e colori di grande fascino,

nello splendore lucente del cotto e nell’originalità

elegante delle linee e delle strutture compositive.

I materiali prodotti a Castelli sono poi venduti in

ogni parte del mondo, ed ovviamente a Castelli

stesso. Tanti i negozi dove è esposta la merce, che il

visitatore può visitare e, volendo, comperare. I prezzi

sono assai competitivi, non altissimi (considerando

la lunga lavorazione del prodotto, che richiede

interventi di più artigiani-artisti), e la scelta tra la

ceramica tradizionale, di cui si è già detto, e quella

di carattere più moderno ed attuale. I negozi e le Botteghe

producono e vendono opere di bellissima fattura:

dalla riproduzione di antichi vasi di farmacia settecentesca,

a grandi anfore dipinte con paesaggi e figure, a piatti di

diversa dimensione da appendere al muro, a servizi da caffé

ed a chicchere su piacevole riproduzione settecentesca,

proprio quelle per cui la città di Castelli è stata inserita

nella “Via del Cioccolato”, costituitasi nel 2013

e che riunisce, oltre l’Italia, il Belgio, la Francia,

l’Inghilterra, la Svizzera, l’Austria, il Lussemburgo e

presto il Messico.

Dunque, questo luogo non vale forse una visita ?

Ed anche – fondendo natura, paesaggio ed arte in

un’unica, intensa suggestione – una sosta un po’

più prolungata?

 

23 Marzo 2014

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi