A LEZIONE DI GIORNALISMO CON UMBERTO BRACCILI

4 marzo 2014 22:480 commentiViews: 9

 

 

 

Sarà una lezione di giornalismo (e, in particolare, di giornalismo televisivo) quella che Umberto Braccili, volto noto della redazione abruzzese del TG3, terrà ai docenti e ai ragazzi delle terze medie di Sant’Omero, Nereto e Torano, venerdì 7 marzo, alle ore 10.00, presso l’aula magna dell’I.T.C. di Nereto, in via Veneto.

A introdurre l’incontro saranno il dirigente scolastico Danilo Massi, e il presidente del Consiglio d’Istituto, Enrico Di Carlo.

Giornalista Rai dal 1987, dopo le collaborazioni a redazioni abruzzesi di alcuni quotidiani e agenzie nazionali, Braccili si occupa, oltre che di sport, di tematiche sociali. Dal 2007, è responsabile della rubrica “Lo dico al tgr”, che tratta temi “dalla parte del cittadino”. Alcune di queste problematiche sono state recentemente raccolte in un libro omonimo (ed. Ricerche&Redazioni) che racconta storie amare segnalate dagli stessi cittadini. Il libro è stato anche stampato in Braille dall’Unione italiana ciechi di Teramo.

Braccili riesce a coniugare attività istituzionale e impegno nel volontariato e nel sociale. Numerose sono le inchieste da lui svolte, anche all’estero. Nell’aprile 2010, a un anno dal terremoto dell’Aquila, ha scritto, insieme ai genitori degli universitari fuori sede, deceduti la notte del 6 aprile 2009, il libro “Macerie dentro e fuori”. Il ricavato è servito per finanziare l’azione legale dei genitori e per un premio di laurea in collaborazione con l’Ordine nazionale dei geologi.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi