Pescara. Caro-pedaggi, lunedì l’incontro tra Fita-Cna e Strada dei Parchi

18 gennaio 2014 20:290 commentiViews: 7

 

A Roma vertice sulle tariffe. Carota: sconti alle imprese, favorire chi inquina meno

 

 

PESCARA – Si terrà lunedì pomeriggio, nella sede romana della Strada dei Parchi, la società che gestisce le autostrade A24 e A25 che collegano l’Abruzzo con Roma, l’incontro richiesto dalla Fita-Cna sul caro-pedaggi, che uno studio della stessa associazione delle piccole imprese dell’autotrasporto aderente alla Cna, diffuso nei giorni scorsi, ha dimostrato essere tra i più cari dell’intera Penisola. «Sul caro pedaggi – dice il presidente regionale di Fita-Cna, Gianluca Carota – c’è bisogno di una vera svolta. Siamo pronti alla mobilitazione generale di tutta la categoria e condividiamo la posizione netta e decisa espressa dal coordinamento unitario, Unatras, a livello nazionale». «Per questo, è necessario avviare un confronto con i concessionari – prosegue – e in Abruzzo, rispetto a questo percorso, siamo già ad un passo in avanti, vista la disponibilità di Strada dei Parchi ad incontrarci dopodomani».

«Siamo convinti – prosegue – che i concessionari debbano fare uno sforzo di buona volontà, riconoscendo alle nostre imprese sconti ai caselli per recuperare, almeno in parte, aumenti non sempre giustificati, ma soprattutto intollerabili per i conti delle aziende. Sui fondi pubblici, a valere sui pedaggi attualmente destinati ai consorzi di servizi, è necessario un cambiamento radicale per agevolare il più possibile le nostre imprese che hanno gravissimi problemi di liquidità». A detta di Carota, infine, «le aziende devono poter ricevere gli sconti con modalità più immediate, funzionali alle loro esigenze e direttamente al casello: è giunto il momento di cambiare anche questo tipo di meccanismi, forse guardando a cosa accade in Europa, dove in molti Paesi, si paga con il sistema delle “eurovignette”, che premiano chi meno inquina. Un modello con il quale fanno già i conti le aziende dell’autotrasporto del Nord Italia, ma che può diventare un esempio riproducibile anche su scala più vasta».

18/1/2014

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi