Giulianova. Piazza del Mare. Il sindaco ha disposto stamane un intervento immediato di pulizia ma non nasconde la sua contrarietà.

10 gennaio 2014 22:110 commentiViews: 14

 “Vorrei più solerzia da parte di chi è preposto alla cura e alla pulizia della città perché i livelli di responsabilità sono molteplici”.

 

Personale della “Giulianova Patrimonio” al lavoro stamane per ripulire l’area di piazza del Mare e la fontana, sulla quale sono previsti ulteriori interventi di manutenzione, da parte della ditta, per la giornata di domani, 11 gennaio. La richiesta di intervento immediato è partita stamane dal sindaco Francesco Mastromauro, che si è attivato per restituire la piazza alle condizioni di decoro. “Si tratta di un luogo nevralgico della città, che dopo tanti anni abbiamo trasformato nel  ‘salotto buono’ del Lido dotandolo di arredi, spazi verdi e giochi d’acqua. Dal 24 ottobre 2009, data dell’inaugurazione, il vecchio e malandato Golf Bar è diventato solo un ricordo, sostituito appunto da una nuova ed elegante piazza sulla quale però già nel febbraio del 2010 si sono accaniti i vandali, tanto da arrivare a scalzare le panchine, a sfondare il cancello della pista di pattinaggio danneggiando persino la recinzione della pista di pattinaggio.  E simili atti vandalici – prosegue il sindaco – si sono avuti anche nei confronti dei bagni e degli spogliatoi a servizio dell’impianto di pattinaggio che abbiamo inaugurato il 23 dicembre 2011 come completamento del progetto della piazza. Il vandalismo stupido e lo scarso senso civico di alcuni sono nemici contro i quali dobbiamo purtroppo combattere quotidianamente. Però è anche vero che come Amministrazione abbiamo il dovere di vigilare ed intervenire allorquando c’è necessità di garantire il decoro. Stamane mezzi e personale della Giulianova Patrimonio si sono attivati prontamente su mia richiesta, pur non essendo tenuti a farlo: ringrazio quindi il presidente Filippo Di Giambattista e i suoi collaboratori per la solerzia e lo spirito di servizio dimostrati. Stessa solerzia ed eguale spirito di servizio vorrei però anche da parte di chi è preposto alla cura e alla pulizia della città. Insomma”, conclude Mastromauro, “quando c’è qualcosa che non va,  non necessariamente deve intervenire il sindaco sollecitando l’intervento, perché i livelli di responsabilità sono molteplici e non investono solo il primo cittadino. Occorre, per dirla in due parole, il gioco di squadra sulla scorta del senso di responsabilità individuale”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi