Cesare D’alessandro, Premesso che non credo ad “aggressioni giudiziarie” né a complotti

25 Gennaio 2014 18:040 commentiViews: 7

Premesso che non credo ad “aggressioni giudiziarie” né a complotti, né a dietrologie di alcuna natura, ma credo che sia diritto della Magistratura indagare, della Stampa informare e dei Cittadini ad essere informati, nonché di chi è inquisito a potersi difendere, do conto di come si sono svolti i fatti, corredati di documenti, in merito alle contestazioni di cui ai punti a) e b) dell’informazione di garanzia (allegato 1).ALLEGATO n. 1

 

Riguardo al punto a) – missione a Verona (Vinitaly) – è avvenuto esattamente l’opposto di quanto contestato, ovvero che “nell’esibire le ricevute fiscali… e nell’omettere scientemente di indicare l’utilizzo della camera d’albergo unitamente ad altra persona e che i pasti erano stati consumati da 2 persone”.

In realtà, nel prospetto di riepilogo spese (allegato 2) ALLEGATO n. 2fornito in copia conforme, si chiede espressamente la liquidazione al 50% delle spese d’albergo e di vitto.

A tal fine è sufficiente assumere informazioni dai funzionari degli Uffici preposti.

 

Riguardo al punto b) – missione a Varenna (Convegno Studi Amministrativi) – gli scontrini/fattura sono regolarmente allegati e per quanto attiene la fattura di euro 80 della taverna  Colleoni dell’Angelo, è avvenuto esattamente il contrario di quanto contestato al punto b): “nell’esibire le ricevute fiscali… e nell’omettere scientemente di indicare l’utilizzo della camera d’albergo unitamente  ad altra persona e che il pasto era stato consumato da 2 persone; nel non aver esibito ricevute relative ai pasti consumati per complessivi 60 €”.

In realtà, la cena fu consumata non da 2, ma da 3 persone, di cui 2 consiglieri regionali. La somma dovuta fu interamente liquidata di propria tasca dai suddetti consiglieri, ai quali fu rilasciata ricevuta fiscale, su specifica richiesta degli stessi, per un importo notevolmente ridotto di 80 € cadauno.

Per quanto attiene il pernottamento in albergo, il prezzo per la camera uso singola e quello per la camera uso doppia era sostanzialmente identico, come risulta dalla libera visione del sito internet dell’hotel.

Riguardo il fatto di non aver esibito ricevuta relativa al pasto di 60 €, la stessa esiste ed è agli atti. Altrimenti non si vede come gli Uffici preposti avrebbero potuto corrispondere il relativo rimborso.

 

L’Aquila, 24 gennaio 2014

 

Cesare D’Alessandro

Consigliere regionale

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi