L’Aquila. “LINO E IL MICROFONO”, PRESENTAZIONE A L’AQUILA IL 14 DICEMBRE

13 Dicembre 2013 20:340 commentiViews: 13

“LINO E IL MICROFONO”, PRESENTAZIONE A L’AQUILA IL 14 DICEMBRE

Le interviste di Lino Manocchia a grandi personaggi, ora in un libro edito da Artemia

 

 

 

L’AQUILA – Sarà presentato a L’Aquila sabato 14 dicembre, alle ore 17, presso l’HotelCanadian, il volume “Lino e il microfono”, pubblicato da Artemia Edizioni, che raccoglie le interviste a famosi personaggi del mondo del cinema e dello spettacolo realizzate dal grande giornalista giuliese Lino Manocchia, già corrispondente della Rai da New York. Ne parleranno Giuseppe Del ZoppoMaria Elena Cialente,Marcello MartelliLudovico Raimondi e Goffredo Palmerini nell’evento che sarà presentato dal critico letterario Simone Gambacorta e moderato dalla giornalista Roberta Di Sante.

 

Qui Lino Manocchia da New York“, con questa celebre frase che richiama il grande amico e collega Ruggero Orlando, il giornalista Rai Lino Manocchia ha voluto aprire il primo incontro di presentazione del libro “Lino e il microfono“, edito da Artemia, che si è tenuto qualche settimana fa a Giulianova, città natale dell’autore. Un testo molto apprezzato, che ripercorre un’intera vita votata al giornalismo, nel corso della quale, in qualità di corrispondente Rai da New York, Lino Manocchia ha intervistato i più grandi divi di tutti i tempi. Ora queste interviste sono state raccolte dalla casa editrice Artemia in un libro dall’indubbio valore giornalistico e culturale, che sabato 14 dicembre sarà presentato anche nel capoluogo abruzzese. La serata evento, che sarà presentata da Simone Gambacorta e moderata da Roberta Di Sante, si svolgerà nei locali del prestigioso Hotel Canadian a L’Aquila, con inizio alle ore 17.

 

Ad aprire la serata sarà il Presidente dell’Accademia culturale internazionale “San Giovanni Crisostomo”, Giuseppe Del Zoppo, da sempre impegnato a sostenere la cultura nelle lettere, nelle scienze e nelle arti promuovendone lo studio e la conoscenza, e che già la scorsa estate ha insignito l’autore con il celebre Premio culturale organizzato dall’Accademia. Seguiranno quindi gli interventi della Preside delle classi accademiche, Maria Elena Cialente, del Presidente del Circolo della Stampa Abruzzo, Marcello Martelli, del giornalista e caro amico dell’autore, Ludovico Raimondi, e di Goffredo Palmerini, componente del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo (CRAM).
Quel che con chiarezza emerge sfogliando le pagine di “Lino e il microfono” è sicuramente la grande professionalità e umiltà dell’autore, nonché la sua immensa passione che, ancor oggi alla veneranda età di 92 anni, lo porta a scrivere e collaborare con quotidiani, riviste e giornali online italiani e statunitensi. Emerge la caparbietà di un uomo che, pur di vivere facendo ciò che ama, ha avuto il coraggio di mettersi in gioco e abbandonare amici e affetti per approdare dall’altra parte del mondo, come racconta in apertura del suo libro: “Ai primi del mese di marzo del 1946, abbandonai sogni, vanità e speranze che stavo costruendo nel mio lido natìo. Ero diretto, a bordo del Saturnia, verso il nuovo Continente che col tempo, mi avrebbe costruito un futuro carico di sorprese, novità, e la realizzazione di quel sogno accarezzato sin da ragazzo: vedere il grande ovale di Indianapolis“.
L’America, come lui stesso scrive, lo ingoiò letteralmente e gli aprì le porte del successo: le esperienze alla Rai, i giornali, programmi televisivi e radiofonici. Tramite la “Voice of America” intervistò ben cinque Presidenti degli Stati Uniti, numerosi campioni dello sport e icone del mondo del cinema hollywoodiano. Fino ad arrivare ad essere il più giovane reporter inviato dalla Rai al 50° anniversario dell’Oscar Award di Hollywood. Ma la sensazione che si prova al termine della lettura di questo libro è quella di avere tra le mani la storia di un altro personaggio dalla vita tutt’altro che statica: Lino Manocchia, capace di arrivare con la sua intraprendenza e la sua ironia laddove altri hanno fallito. Al suo microfono nessuno è riuscito a sottrarsi, neppure uno schivo Paul Newman che, con il giornalista, condivideva la grande passione per i motori e la velocità.

 
Roberta Di Sante

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi