Roseto. Al primo giorno di una annunciata e prevista perturbazione Roseto si ritrova ancora una volta colpita .

12 Novembre 2013 20:310 commentiViews: 4

Al primo giorno di una annunciata e prevista perturbazione Roseto si ritrova ancora una volta colpita .

La zona sud della città sembra quella maggiormente interessata dagli allagamenti e questo non è di certo un caso.
Sono anni che viviamo tali disagi e ormai tutti conosciamo la causa.
Per decenni le amministrazioni si sono sfidate sul chi distruggeva maggiormente le nostre colline e gli equilibri naturali.
Cavate e canali lasciati all’abbandono o addirittura ricoperti per lasciar spazio ad edifici .
Una drastica cementificazione delle nostre colline , che in diversi casi sono classificate a massimo rischio idrogeologico , ed un graduale riduzione delle zone verdi ha causato in passato e causa oggi i disastri che vediamo.
Nonostante tutti questi anni Roseto continua ad essere amministrata da persone che non hanno cognizione di causa sul cosa comporta una simile azione.
Tutti i disagi che viviamo sono frutto delle scelte urbanistiche fatte nella nostra città ieri come oggi.
La difesa del suolo e dei suoi equilibri naturali non ha mai interessato nessuna amministrazione .
E’ ora che inizi un nuovo percorso a Roseto.
Se l’amministrazione si vuol definire ancora tale nella nostra città deve immediatamente convocare esperti del settore e studiare un piano di manutenzione ed interventi per ripristinare l’equilibrio naturale . Altrimenti le cose non potranno che peggiorare.

Marco Borgatti

Ex Candidato Sindaco a Roseto degli Abruzzi
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi