Giulianova. AD ALFREDO PAGLIONE IL PREMIO “L’ABBRUZZES’ SOTT’ LA MADUNINA”

22 Novembre 2013 02:160 commentiViews: 23

AD ALFREDO PAGLIONE IL PREMIO

“L’ABBRUZZES’ SOTT’ LA MADUNINA”

Domenica 24 novembre a Garbagnate Monastero (Lecco) sarà consegnato al mecenate e collezionista d’arte nato a Tornareccio (Ch) il riconoscimento che l’Associazione Abruzzese Molisana “Raffaele Mattioli” di Milano conferisce ai corregionali che “hanno fatto grande Milano”

Giulianova (Te), 20 novembre 2013 – Ha contribuito a fare “grande Milano” con l’arte e la cultura: per decenni la sua Galleria Trentadue ha animato con mostre, eventi e incontri il già vivace clima artistico del capoluogo meneghino. Per questo, il mecenate e collezionista d’arte Alfredo Paglione, nato a Tornareccio (Ch), riceverà domenica 24 novembre il premio “L’Abbruzzes’ sott’ la Madunina”. L’insigne riconoscimento è conferito annualmente dall’Associazione Abruzzese e Molisana “Raffaele Mattioli” di Milano, presieduta da Angelo Dell’Appennino, ai nostri corregionali che hanno contribuito allo sviluppo culturale di Milano con la loro attività.

E Alfredo Paglione è senz’altro uno di questi: instancabile animatore di una delle più importanti gallerie d’arte, la Trentadue in piazza Repubblica che ha fondato nel 1963, ha dato vita a eventi culturali con la partecipazione dei più importanti artisti contemporanei come Sassu, Ortega, Guttuso, Fontana, Savinio, Ossola, Manzù, Sughi, Mafai, Guccione, Marini, Mattioli, Bodini, Bonichi e Schifano, e organizzato grandi rassegne dedicate a Picasso, Alberti, Ortega, Rauschenberg, Grosz e molti altri. Terminata nel 2000 l’esperienza della Trentadue a Milano, Paglione ha intrapreso nella sua terra natia, l’Abruzzo, una significativa serie di donazioni di opere d’arte a musei e gallerie di centri come Chieti, Vasto, Castelli, la sua Tornareccio, Atessa e via dicendo, per un totale di oltre 1500 capolavori donati e che ora compongono mostre d’arte permanenti. Tra le ultime iniziative, la realizzazione di sette mosaici dedicati a Giovanni Paolo II, donati a chiese e comunità abruzzesi, e la rassegna d’arte Un Mosaico per Tornareccio, che sta trasformando il borgo natio di Paglione in un museo a cielo aperto fatto di mosaici installati sulle facciate delle case.

Questo premio rappresenta solamente l’ultimo di una serie di riconoscimenti conferiti a Paglione, tra cui il “Premio Majella” a Rho nel 1994, il “Premio Aprutium” del Consiglio Regionale d’Abruzzo nel 2002, il “Premio Mecenate d’Abruzzo” della Fondazione Ennio Flaiano e del Centro Nazionale Studi Dannunziani a Pescara nel 2003. Nel 2006 a Loreto, nelle Marche, Alfredo Paglione e la compianta moglie Teresita Olivares sono stati insigniti dei titoli di Cavaliere e Dama d’onore della Santa Casa di Loreto. Nelle ultime edizioni, sono stati insigniti del Premio “L’Abbruzzes’ sott’ la Madunina” illustri corregionali come Franz Di Cioccio, della Premiata Forneria Marconi, Stefano Maullu, assessore alla Protezione Civile che per primo arrivò con gli aiuti dopo il terremoto a L’Aquila, Graziano Tarantini, vicepresidente Banca Popolare di Milano, e Donato Renzetti, noto direttore d’orchestra.

La consegna del premio è in programma domenica 24 novembre alle 12.00 presso il ristorante Molera di Garbagnate Monastero, in provincia di Lecco, in una cerimonia con associati e autorità, nel corso della quale la dott.ssa Valentina Rapino presenterà la figura di Alfredo Paglione.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi