D’Alessandro ( PD) : ” Ora Chiodi chieda scusa e preghi Dacia Maraini di essere il nuovo Assessore regionale alla cultura “

12 Novembre 2013 20:370 commentiViews: 9

D’Alessandro ( PD) : ” Ora Chiodi chieda scusa e preghi Dacia Maraini di essere il nuovo Assessore regionale alla cultura ”

Il Capogruppo del Pd alla Regione Abruzzo interviene sul caso De Fanis e cultura in Abruzzo

” Chiodi deve dirci se ha revocato l’incarico di Assessore a De Fenis e chi intende nominare , io gli propongo di chiedere scusa e  pregare Dacia Maraini di essere il nuovo assessore regionale alla cultura in Abruzzo “.

” Le vicende giudiziarie si chiariranno nelle aule giudiziarie . Il punto è un altro, non certo di natura giudiziaria o penale  dei quali si occupano gli operatori della giustizia e gli avvocati. Io sono arrabbiato, al pari degli abruzzesi, per come sia stata maltrattata la cultura in Abruzzo a partire dallo scandalo dell’abbandono  della biblioteca De Meis a Chieti, oggi simbolo delle macerie della cultura nella nostra Regione”.

” Io sono arrabbiato perché la Regione non ha investito un euro e nessuna energia per promuovere L’Aquila quale capitale Europea della cultura. Io sono arrabbiato perché la cultura è stata trattata peggio di un torneo di bocce . Troppi sono i casi ” Dacia Maraini ” in Abruzzo costretti ad arrendere  la propria passione culturale in Abruzzo” .

” La domanda alla quale Chiodi deve rispondere non riguarda la vicenda dei comportamenti di un assessore, ma perché da Presidente della Regione  non ha mai avvertito come proprio dovere occuparsi e preoccuparsi della promozione della cultura in Abruzzo ” .

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi