Teramo. Il film di Avranas ha trionfato alla Mostra di Venezia con 2 premi A Olympia Mytilinaiou l’Esposimetro d’Oro L’autrice greca premiata per la fotografia di Miss Violence

6 ottobre 2013 08:280 commentiViews: 15

Il film di Avranas ha trionfato alla Mostra di Venezia con 2 premi

A Olympia Mytilinaiou l’Esposimetro d’Oro

L’autrice greca premiata per la fotografia di Miss Violence

Va a Olympia Mytilinaiou, per le immagini e le luci del film Miss Violence, l’Esposimetro d’Oro per la Fotografia Cinematografica Straniera della 18^ edizione del Premio Gianni Di Venanzo. La Giuria, presieduta dal critico e saggista Stefano Masi, ha individuato nell’autrice della fotografia greca il quarto ed ultimo maestro della luce a cui assegnare l’ambito riconoscimento.

Olympia Mytilinaiou sarà a Teramo il prossimo 26 ottobre per ritirare L’Esposimetro d’Oro: anche lei parteciperà alla gran cerimonia di premiazione che si terrà nel cineteatro Comunale.

Con il riconoscimento tributato dal Premio Di Venanzo al lavoro dell’autrice della fotografia Olympia Mytilinaiou per il film Miss Violence, crescono i riconoscimenti che il mondo del cinema sta tributando alla pellicola del regista greco Alexandros Avranas che ha di fatto marcato in maniera più che decisa la 70^ edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. La giuria del festival di Venezia, guidata da Bernardo Bertolucci, ha assegnato a Miss Violence il Leone d’Argento per la migliore regia, ad Avranas, e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile a Themis Panou. Inoltre ha ottenuto anche due riconoscimenti minori, il premio Arca Cinema Giovani, come miglior film, ed il premio Fedora, come miglior film dell’area Euro-Mediterraneo.

Miss Violence affronta una tematica difficile e drammatica come la violenza in famiglia. Quello di Avranas, magistralmente illuminato da Olympia Mytilinaiou, è un ritratto familiare spietato e sorprendente, che ha lasciato il pubblico di Venezia a bocca aperta fin dalle prime immagini: nel giorno del suo undicesimo compleanno Angelica, con un sorriso stampato sul volto, si suicida lanciandosi dal balcone di casa. Il gesto estremo si spiegherà nel corso del film attraverso storie di sottomissione, violenza familiare e incesto.

La fotografia della Mytilinaiou, superbamente algida, depura gli ambienti e i volti degli attori da qualsiasi elemento non strettamente funzionale al racconto. In poche parole, il regista Avranas e l’autrice della fotografia compiono il capolavoro di utilizzare i mezzi propri del cinema per riformularne le coordinate offrendoci nuove soluzioni, sia stilistiche che poetiche.

Olympia Mytilinaiou, nata nel 1967 a Litochoro, paesino alle pendici orientali del monte Olimpo, ha lavorato quasi esclusivamente in produzioni cinematografiche greche, mettendosi in luce prima nella realizzazione di corti e spot pubblicitari e poi firmando lungometraggi come autrice della fotografia. Oltre all’ultimo e già pluripremiato Miss Violence, da ricordare 17 sta 18 (2000) di Mimis Kougioumtzis e Alexandros Grammatopoulos, Strella (2009) di Panos Koutras, 4Ever (2010) di George Pyrpasopoulos e David Is Dying (2011) di Steven Loyd Jackson.

Tutti individuati, dunque, i quattro Autori della fotografia cinematografica a cui saranno consegnati i premi nel corso della serata di premiazione in programma il prossimo 26 ottobre al cineteatro Comunale di Teramo. Li ricordiamo:

– Esposimetro d’Oro alla Memoria:                 GIUSEPPE RUZZOLINI

– Esposimetro d’Oro alla Carriera:                   CLAUDIO CIRILLO

– Esposimetro d’Oro Fotografia Italiana:          LUCA BIGAZZI                     per La grande bellezza

– Esposimetro d’Oro Fotografia Straniera:       OLYMPIA MYTILINAIOU  per Miss Violence

La mostra di Norberto Sagaria resterà aperta fino al prossimo 4 novembre

Visto il successo e l’interesse che ha raccolto la mostra “Norberto Sagaria – La sperimentazione della luce fra tradizione e innovazione”, il Comune di Teramo, che ha curato l’allestimento insieme a Teramo Nostra, su iniziativa dell’Associazione culturale teramana, ha deciso di rimandare la chiusura dell’esposizione: la personale di Sagaria, allestita presso la Pinacoteca Civica di Viale Bovio a Teramo, sarà visibile ancora per un mese, fino al 4 novembre prossimo. Quella che è stata definita un’anteprima del Premio Di Venanzo diventa parte integrante del programma canonico della manifestazione che si terrà a Teramo dal 14 al 26 ottobre prossimi. La mostra, ovviamente, sarà visitabile anche in quei giorni e costituirà un sicuro richiamo in piena sintonia con la filosofia che sostanzia il Premio Di Venanzo visto l’accostamento tra Norberto Sagaria, un giovane maestro teramano della luce nella pittura, e Gianni Di Venanzo, un grande maestro della luce nel cinema.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi