L’Aquila. Il CANTO AQUILANO “LA BBELLA CITTA’ ME’ “

13 ottobre 2013 22:100 commentiViews: 334

Il testo del componimento “La Bbella città me” è stato scritto dall’autrice, insegnante elementare in pensione, nell’ambito di un progetto scolastico sulla città dell’Aquila.

Dettaglio del portale centrale della Basilica di Santa Maria di Collemaggio (foto di Camillo Berardi)

Dettaglio del portale centrale della Basilica di Santa Maria di Collemaggio (foto di Camillo Berardi)

Tirato fuori dal cassetto dopo il sisma del 2009, ne ha composto la linea melodica affinché L’Aquila fosse cantata dagli Aquilani così come loro la vedono e la sentono nei loro cuori, nei loro pensieri, nei loro desideri: L’Aquila coi suoi monumenti, le sue piazze, i suoi parchi, il mercato, le mura, le istituzioni culturali, l’università, il teatro, il conservatorio, i cori. Il brano è stato armonizzato ed elaborato per coro a 4 voci miste con accompagnamento strumentale dai maestri Iolanda Masciovecchio e da Camillo Berardi.

Il canto si conclude col riferimento alla Perdonanza – l’indulgenza plenaria concessa da papa Celestino V nel 1294 a chiunque, confessato e comunicato fosse entrato nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio dai vespri de 28 agosto a quelli del giorno successivo – e ai festeggiamenti connessi allo straordinario evento che si svolgono ogni anno in questa città e che neanche il terremoto è riuscito ad interrompere.

FILE: Finale 2005a – [La bbella città me’ (spartito).MUS]

La bbella città me’

(canto aquilano)

Versi e musica di Liduina Cordisco

elaborazione corale di

Iolanda Masciovecchio e Camillo Berardi

Ju ventu a ‘sta città se chiama strina,

turchin’ ju celu e l’aria sempre fina,

a Parc’ju Sole, alla Villa e ju Casteju

ce jemo a spassu co’ ju tempu bbeju.

Te’ Collemaggio, piazze e chiese bbelle

e ‘na fontana  co’ tante cannelle,

mont’alla piazza jemo alle bancarelle

de ju mercatu de sta città bbella.

La bbella città me’ chiù bbella non ce n’è,

la bbella città me’ chiù bbella non ce n’è.

‘Na cinta ‘e mura attornu alla città

co’ bbelle porte pe’ potecci entra’,

a ji cortili de ‘sti  bbeji palazzi

ci  stanno j’archi e i fiori aji terrazzi.

D’arte e cultura è ricca ‘sta città

dai musei all’università

se canta e sona se studia ‘n quantità

se fa teatru a ‘sta bbella città.

La bbella città me’ chiù bbella non ce n’è,

la bbella città me’ chiù bbella non ce n’è.

La Perdonanza de Papa Celestinu

ogn’annu chiama turisti e pellegrini

pe’  le bellezze  j’occhi a ricrea’

e pe’  la pace ju core a renfranca’.

La bbella città me’ chiù bbella non ce n’è,

la bbella città me’ chiù bbella non ce n’è.

 Dettaglio della Fontana della Rivera, detta "delle 99 cannelle" (foto di Camillo Berardi)

Dettaglio della Fontana della Rivera, detta "delle 99 cannelle" (foto di Camillo Berardi)

La bella città mia

(traduzione in lingua)

Versi e musica di Liduina Cordisco

elaborazione corale di

Iolanda Masciovecchio e Camillo Berardi

Il vento in questa città si chiama “strina”,

turchino è il cielo e l’aria sempre pura,

al Parco del Sole, alla Villa e al Castello

ci andiamo a spasso con il tempo bello.

Ha Collemaggio1 piazze e chiese belle

e una fontana con tante cannelle2,

su in piazza andiamo alle bancarelle

del mercato di questa città bella.

La bella città mia, più bella non ce n’è,

la bella città mia, più bella non ce n’è.

Una cinta muraria intorno alla città

con porte belle per poterci entrare,

dentro i  cortili di questi bei palazzi

ci sono gli archi e i fiori sui terrazzi.

D’ arte e di cultura è ricca questa città

dai musei all’università,

si canta e si suona si studia molto

si fa teatro in questa bella città.

La bella città mia, più bella non ce n’è,

la bella città mia, più bella non ce n’è.

La Perdonanza di Papa Celestino

ogni anno richiama turisti e pellegrini

per ricreare gli occhi con le sue bellezze

e per rinfrancare il cuore con la pace.

La bella città mia, più bella non ce n’è,

la bella città mia, più bella non ce n’è.

1)     La Basilica di Santa Maria di Collemaggio dove fu incoronato papa Celestino V,

2)     La Fontana della Rivera, detta  ”delle  99 Cannelle”, monumento simbolo della

nascita della città di L’Aquila.    

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi