L’Aquila. Al via a L’Aquila la II° edizione del Festival dell’Acqua: proiezioni a tema rivolte agli Istituti scolastici

4 ottobre 2013 18:350 commentiViews: 6

Al via a L’Aquila la II° edizione del Festival dell’Acqua:

proiezioni a tema rivolte agli Istituti scolastici

Si terrà a L’Aquila dal 6 all’11 Ottobre, la seconda edizione del Festival dell’Acqua. Una settimana intensa e ricca di iniziative con un programma che prevede convegni, seminari ed eventi rivolti al grande pubblico con l’obiettivo di offrire valutazioni ed approfondimenti formativi sul complesso e delicato tema delle risorse idriche.

L’idea del Festival dell’Acqua è nata da Federutility (federazione che associa tutti i gestori italiani del servizio idrico) per allargare ad un pubblico più ampio ed a temi universali il tradizionale incontro biennale (H20biettivo 2000 – Giornate Tecniche dell’acqua) che dai primi anni ’90 fino al 2009, ha rappresentato a livello internazionale, il momento di approfondimento delle tematiche gestionali, tecniche e politiche delle risorse idriche. Sono stati coinvolti ed hanno partecipato nelle scorse edizioni, istituti scolastici di ogni ordine e grado, economisti, scrittori, ingegneri, studiosi, tecnici, politici, rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni, manager delle aziende di servizi pubblici locali, artisti, imprenditori, magistrati, giornalisti: tutti coloro che a vario titolo si occupano di risorse idriche e più in generale delle tematiche legate al rispetto dell’ambiente.

L’Istituto Cinematografico dell’Aquila “La Lanterna Magica” propone all’interno del calendario delle iniziative, alcuni momenti di riflessione con proiezioni specifiche rivolte agli Istituti scolastici cittadini. Grazie alla sua trentennale esperienza verso il mondo della scuola, “La Lanterna Magica” ha coinvolto per l’intera settimana, un numero importante di studenti di ogni ordine e grado dell’intero comprensorio aquilano per una serie di eventi dimostrativi che si svolgeranno in una tensostruttura realizzata in Piazza Duomo.

Le giornate previste dall’Istituto Cinematografico dell’Aquila:

Ridotto del Teatro Comunale – ore 9.30

Lunedì 7 Ottobre

Proiezione del docu film Planet Ocean di Yann Arthus-Bertrand e Michael Pitiot (Usa, Francia 2012)

A seguire presentazione del libro Acqua in mente con la presenza dell’autore Alfredo De Girolamo

Martedì 8 Ottobre

Proiezione del film Ti-Koyo e il suo pescecane di Folco Quilici (Italia, 1962)

A seguire incontro con il regista Folco Quilici

Ingresso libero.

L’Aquila, lì 4 Ottobre 2013

FOLCO QUILICI

Figlio del giornalista Nello Quilici e della pittrice Emma Buzzacchi, dopo aver iniziato un’attività di tipo cineamatoriale, si è specializzato in riprese sottomarine, diventando molto popolare anche al di fuori dei confini nazionali. Ha studiato regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. Il suo primo lungometraggio è stato Sesto continente del 1954, ricco di suggestive immagini subacquee dedicate ai mari australi. Seguono negli anni a venire film e lungometraggi che hanno fatto storia, tra i quali: L’ultimo paradisoTikoyo e il suo pescecaneOceanoFratello mare. Successivamente ha alternato la documentaristica cinematografica con l’attività giornalistica, segnalandosi per le inchieste ed i servizi speciali riguardanti l’ambiente e la civiltà.

Nel 1965 la Esso gli affidò la realizzazione di una serie di film sull’Italia filmata dall’alto tramite elicottero. Nel periodo che va dal 1966 al 1978 furono realizzati 14 di tali documentari, tutti aventi come titolo L’Italia vista dal cielo. A questi si affiancarono sedici volumi illustrati. I commenti dei quattordici filmati furono affidati a importanti letterati e storici d’arte dell’epoca come Cesare Brandi, Mario Praz, Italo Calvino, Guido Piovene, Michele Prisco, Ignazio Silone e Mario Soldati.

Successivamente si è dedicato principalmente alla pubblicazione di numerosi testi a partire da Cacciatori di navi del 1984. Nel 2002 ha ricevuto il premio NEOS dell’Associazione Giornalisti di Viaggio, per la sua attività di scrittore. Dal febbraio 2003 al giugno 2006 ha presieduto l’ICRAM (Istituto Centrale per la ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata al Mare), ente pubblico di ricerca sul mare vigilato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Nel 2007 ha scritto la prefazione al libro Le Vie Dell’Argento, Paradiso e Inferno di Luciano Covolo e di Massimo Belluzzo (C&B Edizioni, uscita dicembre 2007).

Il figlio Brando Quilici è anch’egli un noto documentarista; padre e figlio hanno realizzato insieme alcuni lungometraggi.

PLANET OCEAN

diretto da Yann Arthus e Michael Pitiot

con la voce narrante di Luca Mercalli

Planet Ocean cattura immagini straordinarie dei nostri meravigliosi oceani, in un vero e proprio tuffo suggestivo nel mondo della natura. Un’affascinante esplorazione della fonte di ogni forma di vita sul nostro pianeta.

Girato dai registi Yann Arthus-Bertrand e Michael Pitiot, coadiuvati da un team internazionale di eccezionali operatori subacquei, in collaborazione con OMEGA e con il supporto scientifico di Tara Expedition. L’obiettivo di questo film-documentario è quello di spiegare alcuni dei più grandi misteri della natura, evidenziando al contempo quanto sia essenziale che il genere umano viva in armonia con gli oceani. Tutto questo attraverso immagini spettacolari e una fotografia di altissimo livello.

Yann Arthus-Bertrand, Ambasciatore di buona volontà per il programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, ha presentato questo questo documentario ai leader mondiali della conferenza Rio+20, nel giugno del 2012.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito: www.goodplanet.org

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi