Abruzzo. LUCREZIO PAOLINI (IDV); “FARMACIE FANTASMA, PER I DIRIGENTI REGIONALI IL MASSIMO DELLA PRODUTTIVITA’ CON IL MINIMO SFORZO”.

30 Ottobre 2013 23:380 commentiViews: 10

LUCREZIO PAOLINI (IDV); “FARMACIE FANTASMA, PER I DIRIGENTI REGIONALI IL MASSIMO DELLA PRODUTTIVITA’ CON IL MINIMO SFORZO”.

I dirigenti regionali ottengono il massimo dei compensi con il minimo sforzo.

“Il caso delle nuove farmacie ‘fantasma’ è emblematico”, dichiara il capogruppo regionale dell’IdV, Lucrezio Paolini, “di come sopravvive e si alimenta senza sforzo la casta dei dirigenti regionali, che al solito, in maniera autoreferenziale, si riconosce il massimo dei compensi”.

La Giunta regionale, entro lo scorso gennaio, avrebbe dovuto nominare una commissione esaminatrice (composta anche da due dirigenti della Giunta regionale) per autorizzare la nascita di nuove farmacie in Abruzzo e, quindi, favorire la concorrenza nel settore.

“Ma sino al mese scorso era ancora tutto bloccato”, denuncia Paolini, “a causa del rifiuto da parte dei dirigenti regionali, ad eccezione della sola dirigente del Servizio Farmaceutico,  di far parte della commissione”.

Il motivo del rifiuto? “Il decreto sulla spending review stabilisce che la partecipazione avvenga a costo zero per la Regione, quindi a guadagno zero per i dirigenti, che già percepiscono lauti compensi omnicompresivi.

Non è mia intenzione fare di tutt’erba un fascio, perché ci sono anche esempi di dedizione al lavoro e professionalità, ma resta il fatto! Gli abruzzesi aspettano inutilmente di vedere all’orizzonte la nascita di qualche nuova farmacia, ciò che vorrebbe dire numerosi posti di lavoro in più e un calo dei prezzi.

La cosa davvero scandalosa è che la Giunta regionale riconosca il massimo della produttività a tutti i dirigenti, anche a quelli che rifiutano di fare il proprio dovere, mentre il restante personale di categoria corre il rischio di vedersi decurtare i pochi fondi a disposizione.

Ho appena depositato”, conclude Paolini, “un’interrogazione urgente a Chiodi, per chiedergli come ritiene di dover sanzionare quei dirigenti che, benché invitati a partecipare alla commissione esaminatrice, hanno finora rifiutato di farne parte e ciò nonostante saranno percettori di un salario produttivo accessorio ai massimi livelli”.

L’Aquila, 30 ottobre 2013

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi