Abruzzo. CNA: Piccole imprese, domani l’Imu day della Cna Protesta in quindici centri abruzzesi contro l’imposta sulle attività produttive

1 Ottobre 2013 00:120 commentiViews: 4

Piccole imprese, domani l’Imu day della Cna

Protesta in quindici centri abruzzesi contro l’imposta sulle attività produttive

PESCARA – Si terrà domattina, in quindici centri abruzzesi, la giornata di protesta “Per non morire di Imu”, manifestazione organizzata dalla Cna regionale, che intende in questo modo sottolineare il disagio e la rabbia delle piccole imprese nei confronti di una tassa iniqua che colpisce duramente i bilanci delle aziende. Davanti ai municipi delle maggiori città abruzzesi (Pescara, L’Aquila, Chieti, Teramo, Montesilvano, Spoltore, Penne, Ortona, Vasto, Lanciano, San Salvo, Avezzano, Sulmona, Giulianova e Roseto) all’interno di un gazebo della confederazione artigiana regionale, per tutta la mattinata, sarà illustrata ai cittadini, prima degli incontri previsti con i sindaci, la posizione della Cna e quanto elevata ed ingiusta sia l’imposizione fiscale a carico delle imprese.

A detta dell’associazione artigiana presieduta da Italo Lupo, le amministrazioni comunali – tutte, non solo quelle investite domattina direttamente dalla giornata di protesta – possono invece decidere autonomamente di alleggerire l’Imu sugli immobili destinati ad attività produttive: capannoni artigianali, negozi, depositi, per i quali la Cna chiede di applicare in modo generalizzato l’aliquota più bassa stabilita dalla legge, ovvero il 4,60 per mille.

Una quota, questa, che però nei quindici centri investiti domattina dalla protesta della Cna, resta largamente disattesa. Perché a parte il Comune di San Salvo – che la applica tuttavia esclusivamente per i nuovi insediamenti nel centro storico, lasciando invece quella dell’8,9 per mille in tutto il resto del territorio – le scelte dei Comuni sono state sin qui assai diverse. Visto che si va dall’aliquota monstre applicata a Teramo, Lanciano, Spoltore e Penne (10,60 per mille), al 9,60 per mille di Avezzano e Giulianova, per scendere poi al 9 per mille di Chieti, all’8,60 di Ortona, all’8,1 di Vasto, all’8 di Sulmona e al 7,6 di Pescara, L’Aquila, Montesilvano e Roseto.

30/9/2013

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi