A 70 dalla deportazione degli ebrei di Roma ad Auschwitz

16 Ottobre 2013 19:240 commentiViews: 14

A 70 dalla deportazione degli ebrei di Roma ad Auschwitz

CONFALINIERI: TRASFERITE IN SEGRETO ALL’AQUILA

TUTTI GLI EBREI SFUGGITI ALLA RETATA NEL GHETTO

di Amedeo Esposito

“…Trasferire in segreto all’Aquila tutti gli ebrei sfuggiti alla retata del ghetto di Roma e tutti coloro che sono nei monasteri o nei conventi del reatino”. Questo l’ordine perentorio ed accorato che diede il 16 ottobre del 1943 l’Antico Arcivescovo, il cardinale Carlo Confalonieri ad alcuni parroci e  guardiani (quelli fidatissimi) dei conventi di Cittàducale, Castel S.Angelo, Borgo Velino e Antrodoco, facenti parte allora dell’ Arcidiocesi aquilana,

L’ordine affidato a corrieri in bicicletta, partì immediatamente dopo che allo stesso Cardinale fu recapitata una nota con cui la Libraria di Corso Umberto, Amalia Agnelli, lo informava “di aver ricevuto con molta urgenza, 36 copie delle poesie del Pascoli, inviate ad alcuni studenti dei gesuiti e ai

novizi dei francescani”.

Che si trattasse di ebrei e non di libri di poesie lo si evince dalla dicitura apposta sulla nota di pugno di Confalonieri: assistenza agli ebrei.

Quegli “ebrei-libri”, secondo le direttive dell’Arcivescovo Confalonieri, erano stati “smistati”da Amalia Agnelli, in parte nei conventi di Santa Chiara e di S.Giuliano e in parte nel collegio dei Padri Gesuiti di piazza Santa Margherita.

L’urgenza fu dovuta ai riferimenti di alcuni “ebrei-libri” circa il rastrellamento dei tedeschi nei luoghi di culto del reatino, attuato dalla SS subito dopo la retata di Roma.

Infatti il 16 ottobre precedente, la Ghestapo e le SS, entrati in forze nel ghetto romano, prelevarono i circa mille ebrei che vi abitavano per deportarli ad Auschwitz

Se ne salvarono solo 17..

La libreria di Amalia Agnelli era allora il “punto di approdo” per la salvezza dei prigionieri inglesi, diretti oltre il fronte del Sangro per ricongiungersi ai propri reparti, per gli antifascisti ricercati e per  oltre duecento ebrei, provenienti in massima parte da Roma, nonché i moltissimi al confino, disposto dal fascismo, disseminati in vari comuni dell’aquilano, come Leone e Natalia Ginzburg che risiedevano a Pizzoli.

A quel tempo la silenziosa e pericolosa lotta contro i crimini tedeschi era condotta unitariamente da cattolici (come Amalia Agnelli), da comunisti, da azionisti, da monarchici etc.

Valgano a questo proposito le dichiarazioni rilasciate (a chi scrive) nel 1994 /da Vittorio Giorgi, personaggio di spicco del comunismo abruzzese e parlamentare scomparso alcuni anni fa, impegnato nella Resistenza con Leone e Natalia Ginzburg:

Natalia (Ginzburg) mi disse chiaramente se non avete altro per gli ebrei il rifugio è donna Amalia Agnelli. Fu però l’organizzazione che mi segnalò donna Amalia, alla quale potevo presentarmi solo io, non potevo delegare alcuno, per ottenere asilo per i ricercati. I rapporti erano questi: io andavo da lei e lei sapeva chi ero, Accoglieva solo quelli che io accreditavo. Era molto riservata. Le uniche parole che ci scambiavamo, prima di salutarci, erano: speriamo di uscirne vivi!”.

A 70 dalla criminale e dolorosa deportazione degli ebrei del ghetto romano,  L’Aquila ha il dovere di unirsi alle manifestazioni, per il ricordo di quell’avvenimento, che si svolgeranno oggi a Roma alla presenza delle autorità ebraiche e dello Stato.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi