Teramo. Esposimetro d’Oro alla Carriera a Claudio Cirillo

24 settembre 2013 23:470 commentiViews: 21

Esposimetro d’Oro alla Carriera a Claudio Cirillo

Autore della fotografia preferito da Scola, Nanni Loy e Dino Risi

Da operatore ha girato il film-cult “Totò, Peppino e…la malafemmina”

La Giuria della 18^ edizione del Premio Internazionale della Fotografia Cinematografica Gianni Di Venanzo ha individuato il secondo maestro della luce da premiare: l’Esposimetro d’Oro alla Carriera del 2013 va a Claudio Cirillo. Il riconoscimento sarà consegnato allo stesso Cirillo nel corso della gran cerimonia di premiazione, che si terrà al Teatro Comunale di Teramo, il prossimo 26 ottobre.

Claudio Cirillo nasce a Roma il 31 agosto 1926, “colto artigiano progressista”, lo definisce Stefano Masi, il Presidente della Giuria del Premio Di Venanzo nel suo “Dizionario mondiale dei direttori della fotografia  A-K”, (2007, edizioni Le Mani), “scevro da ambizioni autoriali, ha condiviso con Ettore Scola scelte ideologiche, politiche e cinematografiche…firmando per lui la fotografia di opere memorabili come Permette? Rocco Papaleo (1971) e C’eravamo tanto amati (1974).

Cirillo inizia la sua carriera negli anni Cinquanta come assistente operatore nella troupe di Mario Montuori  nel film E’ l’amor che mi rovina (1951) di Mario Soldati. Affina la propria formazione al fianco di importanti direttori della fotografia, da Arturo Gallea con cui gira Pane, amore e fantasia (1954) di Luigi Comencini, a Peppino Rotunno con cui gira Le notti bianche (1957) di Luchino Visconti. Per oltre dieci anni lavora come operatore di macchina del grande autore della fotografia Armando Nannuzzi sul set di film diretti da importanti registi quali Francesco Maselli, Alberto Lattuada, Vittorio De Sica, Antonio Pietrangeli, Luchino Visconti, Carlo Lizzani. Come operatore lavora anche con il mitico Totò, girando le scene di autentici film-cult della comicità italiana come Totò, Peppino e…la malafemmina (1956) e Totò, Peppino e i fuorilegge (1956) entrambi diretti da Camillo Mastrocinque.

Il primo lavoro di Cirillo da autore della fotografia è Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa? (1968) di Ettore Scola. Con Scola rimane per vari anni, fotografando Il commissario Pepe (1968) e poi altri quattro film: lo seguì nella trasferta americana del film Permette? Rocco Papaleo (1971), poi fotografò in chiave iperrealista La più bella serata della mia vita (1972) e nella doppia veste di operatore alla macchina e direttore delle luci firmò Trevico-Torino: Viaggio nel Fiat-Nam (1973), film militante girato in 16 mm da una piccola troupe della Unitelefilm, la casa cinematografica dell’allora Partito Comunista Italiano, con soggetto e sceneggiatura dello stesso Scola e del giornalista Diego Novelli, che due anni dopo sarebbe diventato sindaco di Torino. Cirillo infine firma la fotografia della “saga dei sognatori progressisti C’eravamo tanto amati (1974), girato parzialmente in bianco e nero e parzialmente a colori. Con i suoi momenti di miracolosa sospensione teatrale, questo film rappresenta uno degli esiti più alti della carriera di Claudio Cirillo, insieme alle immagini dell’amara commedia Profumo di donna (1974), maturo capolavoro di Dino Risi”. (Stefano Masi, op. cit.).

Da non dimenticare la collaborazione con un altro cineasta comunista, Nanni Loy, per il quale firma la fotografia di tutti i film da Cafè Express (1980) in poi: Testa e croce (1982), Mi manda Picone (1983), Amici miei atto III (1985), Scugnizzi (1989), fino a Pacco, doppio pacco e contropaccotto (1993). Da ricordare inoltre che Cirillo cura la fotografia di altri film e film per la tv di impegno civile come quelli diretti da Damiano Damiani e da Giuseppe Ferrara. L’ultimo lavoro da autore della fotografia è Gialloparma (1999), ultimo film scritto e diretto dallo scrittore e regista Alberto Bevilacqua recentemente scomparso.

Il Premio Di Venanzo ogni anno individua in quattro categorie i maestri della luce da premiare. La Giuria assegnerà 4 Esposimetri d’Oro:

– all’autore della migliore fotografia cinematografica italiana

– all’autore della migliore fotografia cinematografica straniera

– alla carriera di un autore della fotografia cinematografica:       CLAUDIO CIRILLO

– alla memoria di un autore della fotografia cinematografica:     GIUSEPPE RUZZOLINI

Viene assegnata anche una targa speciale all’autore della migliore fotografia per una fiction televisiva.

“Teramo Nostra” l’associazione culturale che ha ideato e che organizza da sempre il Premio Di Venanzo, sta definendo gli ultimi dettagli del ricco programma della 18^ edizione della manifestazione che si terrà a Teramo dal 14 al 26 ottobre prossimi. Nelle due settimane dense di iniziative, saranno ovviamente proiettati i film fotografati dai “maghi della luce” che saranno premiati con l’Esposimetro d’Oro, ma non mancheranno mostre, presentazioni di libri, concerti, la rassegna dei cortometraggi e la terza edizione del Premio Speciale “Istituto G. Caporale” dedicato ai video che indagano il rapporto uomo-animale. Va ricordato, e questo è un grande merito degli organizzatori, che tutte le iniziative della manifestazione, compresa la serata di premiazione, sono ad ingresso gratuito.

Filmografia di Claudio Cirillo

Come Autore della Fotografia (46 film)

1999 Gialloparma di Alberto Bevilacqua

1997 Mio padre è innocente (TV Movie) di Vincenzo Verdecchi

1995 Segreto di stato di Giuseppe Ferrara

1994 A che punto è la notte (TV Movie) di Nanni Loy

1994 I pavoni di Luciano Manuzzi

1993 Giovanni Falcone di Giuseppe Ferrara

1993 Pacco, doppio pacco e contropaccotto di Nanni Loy

1992 Uomo di rispetto (TV Movie)  di Damiano Damiani

1989 Scugnizzi di Nanni Loy

1989 Gioco di società (TV Movie)  di Nanni Loy

1988 Il vizio di vivere (TV Movie)   di Dino Risi

1987 Palla al centro di Federico Moccia

1986 Il mostro di Firenze di Cesare Ferrario

1985 Amici miei – Atto III° di Nanni Loy

1984 Vacanze in America di Carlo Vanzina

1984 Amarsi un po’… di Carlo Vanzina

1984 Una donna allo specchio di Paolo Quaregna

1984 Mi manda Picone di Nanni Loy

1983 Vacanze di Natale di Carlo Vanzina

1983 Dieci registi italiani, dieci racconti italiani (TV Serie) (1 episodio)

Il commissionario (1983)  di Florestano Vancini

1983 Italian Boys di Umberto Smaila

1982 Testa o croce di Nanni Loy

1980 Fantozzi contro tutti di Neri Parenti e Paolo Villaggio

1980 Desideria: La vita interiore di Gianni Barcelloni

1980 Café Express di Nanni Loy

1978 L’ultimo sapore dell’aria di Ruggero Diodato

1977 Safari Express di Duccio Tessari

1977 I due superpiedi quasi piatti di Enzo Barboni

1976 Un sussurro nel buio di Marcello Aliprandi

1976 Telefoni bianchi di Dino Risi

1975 Di che segno sei? Di Sergio Corbucci

1974 C’eravamo tanto amati di Ettore Scola

1974 Profumo di donna di Dino Risi

1974 Virilità di Paolo Cavara

1974 L’ammazzatina di Ignazio Dolce

1973 Trevico-Torino (viaggio nel Fiat-Nam) di Ettore Scola

1973 Troppo rischio per un uomo solo di Luciano Ercoli

1972 La più bella serata della mia vita di Ettore Scola

1972 Don Camillo e i giovani d’oggi di Mario Camerini

1972 Beati i ricchi di Salvatore Samperi

1971 Permette? Rocco Papaleo di Ettore Scola

1971 Addio zio Tom di Gualtiero Jacopetti e Franco Prosperi

1970 Quella piccola differenza di Duccio Tessari

1969 Il commissario Pepe di Ettore Scola

1968 Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa? di     Ettore Scola

1968 I lunghi giorni dell’odio di Gianfranco Baldanello

17  film con altre mansioni

1992 Beyond Justice (Direttore della Fotografia della seconda unità)  di Duccio Tessari

1979 Concorde Affaire ’79 (Direttore della Fotografia della seconda unità)  di Ruggero Deoadato

1969 Un bellissimo novembre (Operatore alla macchina)  di Mauro Bolognini

1968 Italian Secret Service (Operatore alla macchina)  di Luigi Comencini

1967 Il figlio di Django (Operatore alla macchina)  di Osvaldo Civirani

1966 Le fate (Operatore alla macchina – episodio “Fata Sabina”)

1966 Svegliati e uccidi (Operatore alla macchina)  di Carlo Lizzani

1965 Il compagno Don Camillo (Operatore alla macchina)  di Luigi Comencini

1965 Vaghe stelle dell’Orsa… (Operatore alla macchina)  di Luchino Visconti

1965 L’ombrellone (Operatore alla macchina)  di Dino Risi

1964 La vendetta della signora (Operatore alla macchina)  di Bernhard Wicki

1963 Il boom (Operatore alla macchina)  di Vittorio De Sica

1957 Le notti bianche (Operatore alla macchina)  di Luchino Visconti

1956 Totò, Peppino e i fuorilegge (Operatore alla macchina)  di Camillo Mastrocinque

1956 Totò, Peppino e… la malafemmina (Operatore alla macchina)  di Camillo Mastrocinque

1953 Pane, amore e fantasia (Assistente alla macchina)  di Luigi Comencini

1953 Traviata ’53 (Assistente alla macchina)  di Vittorio Cottafavi

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi