Teramo. CGIL: La FP CGIL e il Nursind di Teramo rimangono sconvolti dal constatare che a tutt’oggi gli atti emanati e le dichiarazioni espresse in ambito ASL sulla vicenda della pretesa interazione tra gli infermieri della Centrale Operativa 118 e quelli del triage del Pronto Soccorso non tengano in alcun conto alcune importanti e gravi responsabilità.

7 Settembre 2013 00:020 commentiViews: 3

La FP CGIL e il Nursind di Teramo rimangono sconvolti dal constatare che a tutt’oggi gli atti emanati e le dichiarazioni espresse in ambito ASL sulla vicenda della pretesa interazione tra gli infermieri della Centrale Operativa 118 e quelli del triage del Pronto Soccorso non tengano in alcun conto alcune importanti e gravi responsabilità.

Il Direttore del DEA ignora forse che il progetto di integrazione ha numerosi anni di storia senza alcuna concretizzazione?

Ignora forse che le gravi carenze di personale del Pronto Soccorso hanno anni di storia che non possono certo essere risolti da occasionali presenze dell’infermiere del territorio del 118?

Perché la ASL non risolve le annose carenze di personale?

Ignora forse che tutte le volte che l’infermiere esce in emergenza e non può supportare i colleghi delle Centrale Operativa alla risposta telefonica sono trascurati contemporaneamente il lavoro della centrale e la disattenzione del paziente lasciandolo alle sole cure dell’infermiere del triage?

Ignora forse che i numerosi tentativi di trovare soluzioni alternative proposte dalle scriventi, nel corso degli anni, sono state del tutto ignorate?

Ignora forse che con lo spostamento dell’infermiere del territorio al triage nei pochi momenti liberi priva di infermiere di centrale operativa del diritto di riposo previsto dalla normativa per i tempi di esposizione al terminale?

Ignora forse che l’infermiere non è più un mero esecutore degli ordini del medico da molti anni, che non esistono più mansionari ed atti medici delegati, ma una professionalità con il diritto e il dovere di gestire la propria attività assistenziale?

Dimentica forse che l’ultimo ordine di servizio prevede di relazionare ogni minimo impiego del tempo dell’infermiere del 118 minando gravemente la sua autonomia professionale oltre che a essere una aggressione inaccettabile?

Si chiede, pertanto,  al Direttore Generale la discussione della questione e l’immediata riapertura del tavolo delle trattative.

FP CGIL                                                      NURSIND

( Amedeo Marcattili )                                        ( Giuseppe De Zolt )

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi