Chieti. Riconsegnata alla Città, dall’Amministrazione Di Primio, la Scuola “A. Cesarii”

15 Settembre 2013 10:300 commentiViews: 16

Riconsegnata alla Città, dall’Amministrazione Di Primio,

la Scuola “A. Cesarii”

2.200.000,00 € i lavori di adeguamento antisismico e di riqualificazione

eseguiti in 5 anni

Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, insieme all’Assessore ai Lavori Pubblici, Mario Colantonio, all’Assessore alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Giampietro, agli altri componenti della Giunta Comunale e ai Consiglieri di maggioranza, alla presenza della Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo 1 Chieti, prof.ssa Serafina D’Angelo, questa mattina ha riconsegnato alla città la scuola dell’infanzia e primaria “A. Cesarii” interessata da lavori di riqualificazione e adeguamento alle norme antisismiche, con requisiti strutturali, impiantistici ed ambientali perfettamente in linea con le direttive comunitarie di sicurezza.

Gli interventi di adeguamento, iniziati nel mese di giugno del 2009 (anno a partire dal quale l’edificio è sempre rimasto chiuso) e finanziati dalla Regione Abruzzo per € 800.000,00, subirono, però, una interruzione nello stesso anno, in quanto la precedente amministrazione di centrosinistra non aveva opportunamente programmato i necessari interventi di ripristino di tutta la parte impiantistica e strutturale al fine di garantire la perfetta funzionalità dell’immobile.

È stata l’Amministrazione Di Primio, a partire dal mese di maggio del 2010, nella convinzione di restituire all’uso didattico l’importante plesso scolastico, che ha destinato le seguenti ed ulteriori risorse economiche alla scuola per un totale di 1.400.000,00 € così distribuite:

– € 119.000,00 per lavori di rifacimento e impermeabilizzazione dell’intera copertura, in quanto nella scuola pioveva copiosamente dai terrazzi di copertura. I lavori sono stati conclusi a luglio 2011;

–  € 550.000,00 per lavori di ristrutturazione impiantistica conclusi a novembre 2012;

– € 86.000,00 a fondo perduto (mediante azione del Patto dei Sindaci 2011) per la realizzazione delle nuove caldaie alimentate a gas metano in sostituzione delle preesistenti alimentate a gasolio. Lavori eseguiti e ultimati entro il 31 dicembre 2012;

– € 154.768,00 (finanziati al 50% dalla Regione Abruzzo e azione del Patto dei Sindaci 2011) per lavori di realizzazione di un impianto fotovoltaico, eseguiti ed ultimati entro maggio 2013;

€ 325.000,00 per lavori di abbattimento barriere e messa in sicurezza conclusi a marzo 2013;

– €  97.000,00 per il completamento di interventi di ristrutturazione ed impiantistici ultimati a luglio 2013;

– € 75.000,00 per realizzazione lavori scala antincendio, ultimati ad agosto 2013;

– € 12.000,00 per realizzazione sistema di videosorveglianza ed allarmi;

Tutti gli investimenti sull’edificio, oltre alla somma di 40.000.00 € spesa per gli arredi della scuola, in sintesi, possono essere concretizzati con le seguenti opere:

– Rifacimento delle coperture a terrazzo;

– Rifacimento degli infissi esterni ed interni e posizionamento di vetrate nel rispetto della norma antinfortunistica;

– Rifacimento delle porte d’ingresso e della gradinata d’ingresso all’edificio;

– Realizzazione di nuovo impianto idrico sanitario, degli elementi igienico sanitari e rifacimento di pavimenti e rivestimenti in tutti i blocchi bagni;

– Rifacimento di impiantistica elettrica interna e dei sistemi di protezione nel rispetto delle norme vigenti;

– Sostituzione di pavimenti, rifacimento di soglie e tratti di muratura;

– Realizzazione tinteggiatura interne ed esterne e completamento della sistemazione delle facciate dell’intero complesso;

– Realizzazione degli impianti termici e caloriferi;

– Realizzazione di impianto fotovoltaico e cabina di scambio;

– Realizzazione impianto antincendio e di rilevazione fumi;

– Realizzazione di scala antincendio e di porte costituenti vie di fuga;

– Realizzazione cablaggi telefonici ed informatici;

– Protezioni antinfortunistiche su elementi e sporgenze di tutti gli ambienti in uso alla scuola materna.

«E’ questo un importante traguardo raggiunto dall’Amministrazione – ha dichiarato il Sindaco Di Primioche di fatto restituisce alla Città il più ampio plesso scolastico del centro storico, realizzato nei primi anni ’70, con una superficie coperta di complessivi mq 3.900 circa. Per tale motivo non posso non ringraziare le ditte, per altro tutte teatine, che hanno lavorato perché fosse restituito questo importante immobile alla città – Impresa Costruzione De Cesare Ing. Ulrico srl, Società Italiana Servizi Srl F.lli Brandi, Iceed Costruzioni srl, Co.Ge.d Srl Costruzioni generali, New Alarm System Chieti – i progettisti – Ing. Osvaldo Papa, Ing. Giampiero Di Primio e P.I. Stefano Papa – e il responsabile del procedimento arch. Ivonne Elia.

Grazie agli interventi posti in essere, infatti, la Scuola “A. Cesarii” è l’edificio in città che gode del più alto grado di sicurezza e di adeguamento alle norme, con un investimento, in cinque anni, di circa € 2.200.000,00. Va considerato, per esempio, che se avessimo dovuto ricostruire una scuola di tali dimensioni, oggi occorrerebbero circa 3 ettari di terreno e risorse economiche per oltre 7 milioni di euro.

Con la riapertura dell’anno scolastico, l’immobile potrà nuovamente ospitare la storica Scuola dell’infanzia e quella primaria, i cui alunni (circa 300), al momento della chiusura vennero ospitati in aule messe a disposizione nella Scuola secondaria di primo grado “De Lollis” e dalla Scuola dell’infanzia di via Ravizza».

«L’azione amministrativa non si conclude però – ha aggiunto l’Assessore Mario Colantonioè, infatti, in fase di approvazione, il progetto di ristrutturazione della grande palestra scolastica, gravemente danneggiata da un incendio doloso di un paio di anni fa, alla quale sono già stati destinati ulteriori € 220.000,00, nonché le programmazioni per i lavori di adeguamento antisismico degli altri istituti cittadini. Un aspetto che vorrei sottolineare, infatti, è che in tre anni l’Amministrazione Di Primio ha destinato oltre 4.000.000,00 di euro per la sicurezza degli edifici scolastici».

«Ringrazio l’Amministrazione per l’impegno assunto in questi anni – ha dichiarato la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo 1, Serafina D’Angelo – e le ditte che hanno eseguito i lavori. Questo edificio è un modello lampante di coprogettazione, che guarda a modelli già avviati in Europa del Nord. Una scuola molto sicura, con spazi riadattati alle innovative esigenze didattico-educative, curata nei minimi particolari, con arredi nuovi e all’avanguardia come le lavagne interattive multimediali e aule colorate, ampie e luminose. Un scuola, per altro, con una localizzazione topografica aggiunta, confinando con la Villa Comunale, che sarà adoperata come spazio didattico ».

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi