Italia. CIRCHI, BRAMBILLA: CHIAREZZA SUI FONDI PUBBLICI A CIRCENSI CONDANNATI PER MALTRATTAMENTO DI ANIMALI

10 agosto 2013 08:230 commentiViews: 9
I contributi del Fondo unico per lo spettacolo non possono andare a titolari di imprese circensi condannati per reati o sanzionati per la violazione di norme sulla protezione animale. Lo ricorda, in un’interrogazione al ministro dei Beni culturali, l’on. Michela Vittoria Brambilla, notando – su “preziosa” segnalazione della Lega anti vivisezione – che nell’ultimo decreto di ripartizione, n.977 dell’11 luglio 2013, firmato dal direttore generale Salvatore Nastasi, sono riportati i nominativi di tre titolari di circhi già condannati e di due famiglie circensi i cui circhi sono stati sanzionati dai Comuni.
Parla chiaro l’art.7 del DM 20 novembre 2007 che disciplina l’erogazione dei fondi: “Per i contributi al settore circense, la decadenza è disposta anche nel caso di condanna definitiva per i delitti di cui al titolo IX-bis del libro II del codice penale, o di ogni altra violazione di disposizioni normative statali e dell’Unione europea in materia di protezione degli animali”.
L’on. Brambilla ringrazia dunque la Lav, per aver individuato, con un paziente lavoro d’indagine, I circensi già condannati o sanzionati e chiede “la ragione per la quale non sono evidentemente stati svolti i controlli per rispettare l’articolo 7 comma 2 del D.M. 20 novembre 2007 citato. Sulla base di quali ricerche e documentazione il Ministero ha finora proceduto negli anni precedenti e come intende procedere all’assegnazione nei prossimi anni; quali dei circhi colpiti da sanzioni hanno visto assegnarsi fondi non dovuti; se il ministro non ritenga doveroso e urgente disporre la revoca dei finanziamenti assegnati; se non ritenga importante destinare queste o altre risorse alla costituzione di un proprio Fondo per la custodia degli animali sequestrati o confiscati ad attività circensi, visto che finora tali spese gravano per lo più sulle associazioni di protezione degli animali”.
“Da tempo – sottolinea l’ex ministro – mi batto perché siano esclusi dal finanziamento pubblico i circhi che utilizzano animali. Ma, se le indicazioni sono confermate, in questo caso siamo di fronte ad una violazione delle norme vigenti, assolutamente inaccettabile”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi