Giulianova. Sede secondaria del Tribunale. Il sindaco: “Nessuna prospettiva senza il ritiro del ricorso al TAR da parte degli avvocati”.

18 luglio 2013 00:510 commentiViews: 10

Sede secondaria del Tribunale. Il sindaco: “Nessuna prospettiva senza il ritiro del ricorso al TAR da parte degli avvocati”.

Il sindaco Francesco Mastromauro, nonostante la recente sentenza della Corte costituzionale che ha confermato la soppressione delle 220 sezioni distaccate dei tribunali italiani, non molla la presa riguardo al futuro degli uffici giudiziari di Giulianova, in particolare sulla prospettiva di ubicarvi la Sede secondaria del Tribunale di Teramo. Sull’iniziativa, presa dallo stesso sindaco il 13 novembre 2012 con l’istanza inviata al Ministero della Giustizia, si era registrata, nel corso di una riunione tenutasi il 13 marzo scorso nello studio del presidente del Tribunale di Teramo Giovanni Spinosa, l’unanime convergenza da parte della Camera Civile, dell’Ordine degli Avvocati e dello stesso presidente del Tribunale di Teramo, con l’intesa di presentare una istanza congiunta al Dicastero di via Arenula. Proprio il 20 maggio scorso il sindaco aveva scritto ai partecipanti all’incontro per sollecitare la presentazione dell’istanza, facendo seguire a questa, l’8 luglio, la richiesta di un incontro con il presidente Spinosa per fare il punto sulla situazione stante il mancato inoltro dell’istanza congiunta.

Ma nessuna sarà la strada praticabile, e quindi non vi sarà alcuna prospettiva, senza rimuovere un ostacolo fondamentale che si frappone all’istanza congiunta che pure tutti, cioè il presidente dell’Ordine degli Avvocati, quello della Camera Civile e Gabriele Rapali in rappresentanza del Comitato degli avvocati promotori del ricorso al TAR, avevano deciso di presentare in occasione della riunione del 13 marzo. L’ostacolo, precisamente”, afferma il sindaco, “è proprio il ricorso al TAR firmato dal Comitato degli avvocati appositamente costituitosi contro il provvedimento del presidente Spinosa relativo alla non iscrizione a ruolo delle cause nelle cancellerie delle Sezioni distaccate di Giulianova ed Atri. Rimanendo in piedi quel ricorso, che pure Rapali, in rappresentanza del comitato, si era impegnato a far ritirare, sarà impossibile presentare l’istanza congiunta al Ministero della Giustizia per fare si che Giulianova possa aspirare ad essere Sede secondaria del Tribunale di Teramo. In tutta onestà – conclude Mastromauro – devo confessare di non comprendere il motivo di questa inerzia tenuto conto che proprio nella riunione del 13 marzo si era concordato di dare seguito all’iter presentando istanza congiunta al Ministero e ritirando, perché elemento ostativo, il ricorso al TAR. Per cui se dopo quella riunione fosse stato mantenuto l’impegno preso, inoltrando tempestivamente l’istanza al Ministero, oggi probabilmente la sede secondaria sarebbe cosa fatta”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi