Giulianova. Il Sindaco Mastromauro non si dimette, resta per il bene della città.

11 Luglio 2013 15:050 commentiViews: 17

Il sindaco non si dimette. “Rimango responsabilmente al servizio della mia città perché gli impegni vanno mantenuti”.


Colpo di scena nella conferenza stampa tenutasi stamane in una affollata Sala consiliare. Il sindaco Francesco Mastromauro, smentendo clamorosamente quanto riportato in alcune testate, siti di informazione e televisioni, che davano per certe le sue dimissioni per concorrere alle elezioni regionali, ha invece affermato con decisione che rimarrà al suo posto, continuando a fare il sindaco. “So che per molti è  un colpo di scena. Evidentemente non mi si conosce a fondo, o si è sottovalutato il mio spirito di servizio e il mio amore per Giulianova”, ha dichiarato il sindaco. “Non faccio commissariare la mia città, perché la politica non è, né deve essere, un ufficio di collocamento, ma un vero, sincero servizio a favore della collettività. Occorre senso di responsabilità e rispetto per i cittadini, che meritano ogni e più ampia attenzione, e che giustamente vogliono che gli impegni presi vengano mantenuti. Ringrazio naturalmente il mio partito per la stima e la considerazione riposte in me; io rimango a fare il sindaco, non mi candiderò alla Regione, ma – prosegue Mastromauro – rimango comunque, come più volte chiestomi, a disposizione del PD per offrire il mio contributo per il rinnovamento, garantendo lo stesso impegno e serietà riversati nel mio ruolo di sindaco. Perché occorre ripensare, non a parole ma nei fatti, il ruolo della politica. Che deve recuperare, e questo è assolutamente fondamentale, prossimità e aderenza ai problemi della collettività, dare risposte congrue ed efficaci alle istanze delle persone, specie in questo momento di drammatica crisi economica e nei valori, e, soprattutto, gettare a mare schemi mentali e comportamentali ormai anacronistici. La politica, e per quanto mi riguarda è sempre stato così, non è una rendita di posizione o economica, né un coacervo di privilegi o, peggio ancora, un trampolino di lancio per assecondare personali ambizioni. La politica – conclude il primo cittadino – è bella, a patto però che venga vissuta come impegno e come attenzione: quindi senza mai rinunciare allo spirito di servizio che ne è, e deve continuare ad esserne, il lievito e la cifra caratterizzante”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi