Atri. Shiatsu, luna e calanchi, un sodalizio perfetto.

31 Luglio 2013 19:270 commentiViews: 8

Shiatsu, luna e calanchi, un sodalizio perfetto.

Siamo ormai alla quarta edizione di Shiatsu tra i calanchi, organizzato dall’Oasi WWF Calanchi di Atri e dall’Aurora Shiatsu School di Alba Adriatica, e come tutti i programmi che riscuotono un grande successo di pubblico, anche lo shiatsu è passato in prima serata. Sabato 3 agosto, dalle ore 21:00alcuni operatori effettueranno trattamenti shiatsu agli ospiti della riserva naturale, come di consueto nella rilassante cornice del centro visite dell’Oasi WWF Calanchi di Atri in località Colle della Giustizia.

Per chi non avesse mai provato un massaggio shiatsu, ma anche per coloro che ormai non sanno vivere senza, ne raccontiamo le origini.

Sebbene lo Shiatsu sia una tecnica tipicamente Giapponese, le sue radici devono essere ricercate nell’antica Medicina Cinese. Il testo più antico ritrovato, Il classico dell’Imperatore Giallo, risale alla dinastia Han (206 a.C.) e descrive come la medicina e la filosofia fossero considerate un’unica entità. Fu intorno al XX secolo che si sviluppò lo Shiatsu. Un giovane di nome Tokujiro, si trasferì con tutta la famiglia dalla campagna di Hokkaido in un’isola del Nord del Giappone. Per via del clima molto rigido, sua madre fu colpita da artrite alle ginocchia che si estese in molte altre zone del corpo. Tokujiro, ancora ragazzo, decise che doveva aiutarla e cominciò a sperimentare una tecnica basata su pressioni portate con le mani; piano piano si accorse che i trattamenti a cui sottoponeva la madre le davano giovamento. Continuando con gli “esperimenti” si accorse che premendo su ambo i lati della schiena, le ghiandole destinate a produrre cortisone venivano stimolate, sortendo un effetto curativo per i reumatismi!

Ad oggi lo shiatsu viene praticato per produrre una distensione del soggetto, fino a un rilassamento completo delle parti trattate, ciò spiega i risultati benefici dello shiatsu per malanni legati a stress o tensioni.

Al riparo dal caos, immersi nel verde, tra gli aromi sprigionati dalle piante officinali, vi aspettiamo numerosi, muniti di coperta, tappetino e cuscino!

INFO: PhD Caterina Marina Sciarra-Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Calanchi di Atri- email: info@riservacalanchidiatri.it, tel. 085.87.800.88-329.47.25.038;

Coop. Terracoste cell. 331.23.42.323

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi