Ascoli. “Ricadute narrative della contingenza esistenziale”. Al Fuga di Ascoli Piceno il libro di Antonio Pagliara.

21 luglio 2013 16:220 commentiViews: 499

“Ricadute narrative della contingenza esistenziale”.

Al Fuga di Ascoli Piceno il libro di Antonio Pagliara.

“Ricadute narrative della contingenza esistenziale”.

Al Fuga di Ascoli Piceno il libro di Antonio Pagliara.

Serata dedicata alla Puglia, domenica 21 Luglio, con “Salento Controvento” al Fuga Music Room di Ascoli Piceno, alle ore 21. L’autore salentino Antonio Pagliara, 39 anni passati tra la Colombia, l’Iran e Istanbul, presenterà il libro “Ricadute narrative della contingenza esistenziale”, un caleidoscopio di esperienze, incontri, aneddoti e divagazioni filosofiche in cui si intrecciano i sapori esotici dell’Asia e del Sudamerica a quelli più veracemente nostrani del Salento. La serata, organizzata dal Fuga Music Room, dal movimento culturale “Brevevita Gruppo Letterario” e da Annalia Natali, sarà presentata dalla scrittrice e giornalista de “ Il Messaggero” Azzurra Marcozzi.

Il presente comunicato vale anche come invito.

In allegato biografia dell’autore, foto, copertina del libro ed alcuni disegni ispirati alle leggende del volume “Ricadute Narrative della contingenza esistenziale”, realizzati da Antonio Pagliara.

Questo il link per vedere il video book del libro. Realizzato da Jonathan Imperiale

http://www.youtube.com/watch?v=DR-Amz3Uy7c

Biografia Antonio Pagliara

Sono del ’74, paesano di un paesino del Salento. Ho studiato lettere a Lecce. Dopo aver lavorato per qualche tempo in un’agenzia di pubblicità sono scappato in Colombia per 3 anni. Ho insegnato in una scuola italiana a Medellin. Avevo 28 anni. Ho vissuto un anno in Iran. Qui mi sono dedicato alla riscrittura del romanzo iniziato dieci anni prima: Schioma (“pigrizia” in dialetto, un’accidia provinciale e buffonesca che non raggiunge la depressione). Sono stato accusato sin da subito di barocchismo. Sono d’accordo. Sono tornato in Italia per una specializzazione per l’insegnamento, ho insegnato un anno a Gallipoli poi sono scappato in Turchia evitando di un soffio la crisi. A Istanbul ho messo insieme i racconti di ‘Ricadute narrative della contingenza esistenziale’, una specie di gioco tra finzione e vita vissuta, storie legate insieme da qualche cosa che ancora non mi è chiaro. Ho momentaneamente abbandonato la scrittura in prosa per dedicarmi alla composizione di sonetti manoscritti. Il mio terzo libro è infatti una raccolta amanuense di sonetti senza un titolo chiaro. Sto tentando di scrivere un romanzo di fantascienza ma pare che la cosa non voglia coagulare. Quest’anno ho cambiato casa a Istanbul.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi