Giulianova. Nuovo raid alla scuola di via Gobelli. L’assessore Cameli: “Vandalismo ottuso e gratuito. Per la stupidità di alcuni, saremo costretti ad impiegare risorse per evitare il ripetersi di questi atti”. E il sindaco ha chiesto un più intenso controllo da parte delle forze dell’ordine. Ennesimo raid notturno alla scuola dell’infanzia di via Gobelli. Ignoti sono entrati nell’edificio attraverso una finestra ma non risulta che abbiano asportato alcunché né vandalizzato locali e suppellettili, come invece accaduto il 23 gennaio scorso quando gli ambienti vennero disseminati di escrementi recando danni ingenti. Però c’è stato un tentativo, non riuscito, di danneggiare il congelatore. “Ormai sono quasi convinta che si tratti di vandalismo ottuso e gratuito, di cattiveria allo stato puro nei confronti di quella scuola”, ha dichiarato l’assessore alla Pubblica istruzione Nausicaa Cameli. “Non ha davvero senso accanirsi contro la materna di via Gobelli. Come ebbi modo di dire in occasione del Question time del 15 aprile scorso, sia noi che gli insegnanti riteniamo inopportuno, perché diseducativo, mettere le inferriate alle finestre: non vogliamo, infatti, che una scuola debba essere ed apparire una prigione. Però alcune difese passive sono senz’altro necessarie. I nostri tecnici hanno intanto ripristinato la recinzione sul retro e potenziato il sistema di illuminazione perimetrale. Proprio oggi – prosegue Cameli – i nostri uffici tecnici chiederanno i preventivi per un sistema di allarme. Rimane comunque l’immensa tristezza per questi atti davvero insensati contro le istituzioni che recano un grande danno alla collettività. I soldi che dovremmo spendere per tentare di proteggere l’edificio avremmo invece voluto impiegarli per altre esigenze, di tipo didattico. In passato, infatti, abbiamo impiegato le nostre risorse economiche per risolvere problemi annosi della scuola di via Gobelli: abbiamo così creato una nuova aula, sistemato il tetto, rifatti i canali di gronda, coibentato l’edificio, provveduto all’adeguato isolamento del terrazzo per mettere fine alle infiltrazioni e, con una spesa di oltre 139.000 euro, dotato il plesso di un nuovo ed adeguato sistema antincendio con risparmio energetico. Senza poi dimenticare i nuovi giochi donati il 6 febbraio scorso dalla Lisciani e quelli, per esterno, che verranno presto posizionati grazie alla Julia Servizi. Ed invece”, conclude l’assessore, “per la stupidità di alcuni, saremo costretti ad impiegare risorse per evitare il ripetersi di questi vandalismi”. Il sindaco Francesco Mastromauro, dal canto suo, ha chiesto alle forze dell’ordine di potenziare il servizio di controllo della zona soprattutto durante le ore notturne.

8 Maggio 2013 00:300 commentiViews: 8

Nuovo raid alla scuola di via Gobelli. L’assessore Cameli: “Vandalismo ottuso e gratuito. Per la stupidità di alcuni, saremo costretti ad impiegare risorse per evitare il ripetersi di questi atti”. E il sindaco ha chiesto un più intenso controllo da parte delle forze dell’ordine.

Ennesimo raid notturno alla scuola dell’infanzia di via Gobelli. Ignoti sono entrati nell’edificio attraverso una finestra ma non risulta che abbiano asportato alcunché né   vandalizzato locali e suppellettili, come invece accaduto il 23 gennaio scorso quando gli ambienti vennero disseminati di escrementi recando danni ingenti. Però c’è stato un tentativo, non riuscito, di danneggiare il congelatore.

Ormai sono quasi convinta che si tratti di vandalismo ottuso e gratuito, di cattiveria allo stato puro nei confronti di quella scuola”, ha dichiarato l’assessore alla Pubblica istruzione Nausicaa Cameli.Non ha davvero senso accanirsi contro la materna di via Gobelli. Come ebbi modo di dire in occasione del Question time del 15 aprile scorso, sia noi che gli insegnanti riteniamo inopportuno, perché diseducativo, mettere le inferriate alle finestre: non vogliamo, infatti, che una scuola debba essere ed apparire una prigione. Però alcune  difese passive sono senz’altro necessarie. I nostri tecnici hanno intanto ripristinato la recinzione sul retro e potenziato il sistema di illuminazione perimetrale. Proprio oggi – prosegue Cameli – i nostri uffici tecnici chiederanno i preventivi per un sistema di allarme.  Rimane comunque l’immensa tristezza per questi atti davvero insensati  contro le istituzioni che recano un grande danno alla collettività. I soldi che dovremmo spendere per tentare di proteggere l’edificio avremmo invece voluto impiegarli per altre esigenze, di tipo didattico. In passato, infatti, abbiamo impiegato le nostre risorse economiche per risolvere problemi annosi della scuola di via Gobelli: abbiamo così creato una nuova aula, sistemato il tetto, rifatti i canali di gronda, coibentato l’edificio, provveduto all’adeguato isolamento del terrazzo per mettere fine  alle infiltrazioni e, con una spesa di oltre 139.000 euro, dotato il plesso di un nuovo ed adeguato sistema antincendio con risparmio energetico. Senza poi dimenticare i nuovi giochi donati il 6 febbraio scorso dalla Lisciani e quelli, per esterno, che verranno presto posizionati grazie alla Julia Servizi. Ed invece”, conclude l’assessore, “per la stupidità di alcuni, saremo costretti ad impiegare risorse per evitare il ripetersi di questi vandalismi”.

Il sindaco Francesco Mastromauro, dal canto suo, ha chiesto alle forze dell’ordine  di potenziare il servizio di controllo della zona soprattutto durante le ore notturne.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi