Teramo. Prefettura: Oggi la terza riunione 2013 del Comitato Operativo per l’Inquinamento Fluviale (C.O.I.F.

24 Aprile 2013 19:140 commentiViews: 8

Oggi la terza riunione 2013 del Comitato Operativo per l’Inquinamento Fluviale (C.O.I.F.): dopo il fiume Tordino e Vomano, lungo il quale sono state accertate irregolarità e violazioni alle norme ambientali, l’attenzione verterà sul fiume Tronto.

Procedono spedite le attività del Comitato Operativo per l’Inquinamento Fluviale (COIF), convocato oggi, per la terza volta dall’inizio dell’anno, dal Vice Prefetto Vicario Pierpaolo Pigliacelli che ne coordina i lavori, per tracciare il bilancio delle verifiche effettuate il mese scorso lungo il Tordino ed il Vomano e programmare nuovi obiettivi, in previsione dell’imminente stagione estiva.

Ammontavano ad 8 i siti che, rilevati a mezzo sorvolo dalla Sezione Aerea del Reparto Operativo Aereonavale della Guardia di Finanza (R.O.A.N), presentavano anomalie ambientali tali (cumuli di rifiuti abbandonati, scarichi, ecc.) da richiedere ispezioni ed accertamenti affidate a nuclei di controllo del N.O.E. dei Carabinieri di Pescara, del N.I.P.A.F. del Corpo Forestale dello Stato e della Polizia Provinciale. Contestualmente, i militari dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Giulianova, che si è dotato di uno specifico “Nucleo per attività di tutela ambientale”, monitorava le foci del Vibrata e dei predetti corsi d’acqua.

Questi gli esiti: denuncia a piede libero e sanzione amministrativa per il legale rappresentante di un opificio ubicato lungo il Vomano, per deposito incontrollato di rifiuti e per tenuta incompleta del registro di carico scarico dei rifiuti; sequestro preventivo di un’area agricola destinata a deposito incontrollato di rifiuti da demolizione con comunicazione di notizia di reato all’A.G.; monitoraggio ed indagini su due siti ubicati lungo il Tordino, ove notevole è la presenza di rifiuti di varia natura (urbani, speciali, scarti di lavorazione) riconducibili a sistematica ed illecita condotta di scarico. Per uno di tali siti il Comune interessato ha già disposto la rimozione e smaltimento di quanto rinvenuto.

Al termine dell’incontro, un nuovo obietto ed una nuova ripartizione di compiti tra i Nuclei che compongono il C.O.I.F: 11 ulteriori siti, tutti ubicati lungo la sponda teramana del fiume Tronto, opportunamente fotografati e documentati dall’alto dalla citata Sezione Aerea.

Gli esiti delle ispezioni ed accertamenti – che coinvolgeranno, questa volta, anche il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e gli uomini dello stesso ROAN – saranno esaminati congiuntamente in analoga riunione, già fissata per fine maggio anche per  la programmazione delle attività estive.

Teramo, 24 aprile 2013

print

Condividi:

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi