Legambiente su bocciatura eolico off shore tra Vasto e Termoli: «Brutta notizia per l’ambiente: l’Abruzzo e il Molise devono uscire da uno sviluppo fatto di cemento e petrolio».

30 Marzo 2013 18:570 commentiViews: 11

Legambiente su bocciatura eolico off shore tra Vasto e Termoli:

«Brutta notizia per l’ambiente: l’Abruzzo e il Molise devono uscire

da uno sviluppo fatto di cemento e petrolio».

Più lavoro e sviluppo verranno

dalle fonti rinnovabili e dalla tutela del paesaggio costiero.

Venerdì 29 marzo 2013 – Legambiente giudica una brutta notizia per l’ambiente la decisione del Consiglio di Stato di fermare la realizzazione dell’impianto eolico off shore al largo delle coste di Abruzzo e Molise.

«È stata una scelta miope, quella delle amministrazioni che hanno fatto ricorso contro un progetto di energia pulita a 8 chilometri dalla costa – commentano Angelo Di MatteoMaria Assunta Libertucci, presidenti rispettivamente di Legambiente Abruzzo e di Legambiente Molise – e ipocrita da parte di chi oggi si fa paladino dell’ambiente ma continua a dare autorizzazioni per villette e porti turistici che stanno distruggendo le coste abruzzesi e molisane, e che talvolta sono anche finite sotto sequestro».

Negli ultimi anni la crisi del turismo lungo la costa di Abruzzo e Molise si è aggravata proprio a causa della cementificazione, che ha continuato a distruggere gli ultimi paesaggi liberi del litorale e favorito la loro erosione, a testimonianza della mancanza di strategie paesaggistiche e di un governo del territorio capaci di procedere in modo integrato verso scenari responsabili e sostenibili.

«E in due Regioni dove il problema della precarietà di lavoro diventa ogni giorno più drammatico – concludono i due presidenti –si rinuncia a 2-300 posti occupazionali che la realizzazione dell’impianto eolico off shore e la sua successiva gestione avrebbero reso possibili. Grazie ad esso, infatti, si sarebbe prodotta energia pulita capace di soddisfare i fabbisogni di almeno 120mila famiglie, con vantaggi ambientali e economici che gli Enti locali avrebbero potuto far ricadere sul territorio, nella forma di interventi di qualificazione della costa e di valorizzazione turistica».

Il paradosso di questa storia è che il progetto dell’impianto era stato allontanato dalla costa, come chiedevano gli Enti Locali, e i cavidotti erano stati spostati per evitare di arrecare danni alle dune, con attenzioni ambientali che mai si erano viste in Abruzzo e Molise per progetti di trasformazione del territorio.

Legambiente continuerà la sua battaglia per evitare che al posto dell’impianto eolico vengano proposte trivellazioni che arrecano (queste sì, sul serio), danni all’ambiente, agli ecosistemi e al clima. Per questo motivo, l’associazione è parte attiva nella realizzazione della manifestazione del prossimo 13 aprile a Pescara e sosterrà con forza l’uscita dal petrolio, per e con le rinnovabili.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi