Chieti. Botta e risposta tra Giuseppe D’Angelo e il Dirigente scolastico “Gli alunni di Casacanditella sono stati penalizzati”

25 Marzo 2013 21:160 commentiViews: 22

Botta e risposta tra Giuseppe D’Angelo e il Dirigente scolastico

“Gli alunni di Casacanditella sono stati penalizzati”

Il Concerto “La memoria si fa scuola” che si è svolto al Palafara di Fara Filiorum Petri lo scorso 22 marzo continua ad accendere polemiche.

In una lettera, il sindaco di Casacanditella Giuseppe D’Angelo, aveva contestato al dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Statale, la mancanza del logo della città sugli inviti e sui manifesti. Non si è fatta attendere la risposta del dirigente Bruno Della Pelle che, sottolineando tutti i progetti in cui sono stati coinvolti gli alunni dell’Istituto, ha rispedito al mittente le accuse di voler mettere in secondo piano l’impegno e la collaborazione degli studenti di Casacanditella.

Alla lunga missiva del dirigente scolastico, il sindaco D’Angelo ha prontamente risposto: “ L’elenco dei progetti dell’Istituto, con cui inizia la sua lettera sono un chiaro tentativo di confondere, più che il sottoscritto, i genitori degli alunni della Scuola Secondaria di I grado di Casacanditella. Io ero presente alla serata ed ho visto benissimo che gli alunni di Casacanditella hanno partecipato cantando con le altre scuole, e vorrei aggiungere che l’unica alunna che ha suonato era di Casacanditella ed inoltre gli alunni di Casacanditella hanno anche presentato e commentato un video sulla legalità. La sua lettera non risponde a nessuna delle mie domande in cui chiedevo perché, se gli alunni della classe 3^ della Scuola Secondaria di I grado del plesso di Casacanditella, hanno partecipato al concerto, non sono stati gratificati, come gli alunni di Fara Filiorum Petri e di Casalincontrada,  con il logo e la scritta del loro Comune. E le chiedevo anche perché il 4 novembre 2012, dopo 40 anni, solo le scuole di Casacanditella, a differenza degli altri paesi, non hanno partecipato alla commemorazione dei Caduti di tutte le guerre”.

Nella sua lettera di risposta il sindaco DAngelo inoltre sottolinea che solo una volta è stato assente alle iniziative organizzate dalla scuola, e precisamente in occasione della “Giornata della Memoria” del 28 gennaio scorso, solo perché  impegnato in Regione a cercare di ottenere dei fondi per ridare dignità e  vivibilità a tutta la comunità di Casacanditella.

“Il mio non è livore – conclude Giuseppe D’Angelo –  ma rimando al mittente questo sentimento che invece lei cova verso tutta l’attuale Amministrazione Comunale di Casacanditella che, nel solo interesse della collettività e senza scopi personali, nel 2011, ha anticipato di 2 mesi il Governo accorpando le scuole. Accetto qualunque critica e confronto, ma non tollero in alcun modo che vengano coinvolti gli alunni e che debbano essere loro a pagare”

print

Condividi:

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi