Cultura & Società

Pescara. Il sassofono di Stefano Cocco Cantini e la fisarmonica di Simone Zanchini protagonisti a Pescara.

Il sassofono di Stefano Cocco Cantini e la fisarmonica di Simone Zanchini  protagonisti a Pescara.

Il 2013 dei “sabato in concerto jazz” inizia con un concerto-evento.

Sabato 12 gennaio, presso la “Maison Des Arts” in corso Umberto 83 (inizio concerto ore 18, ingresso libero consentito dalle 17.30 e fino ad esaurimento posti), il  “Biker’s duo” percorre le strade dell’originalità, tra musica classica e jazz.

PESCARA 09 gennaio 2013. Vite “on the road” percorse tra strade asfaltate e note musicali. La passione per le due ruote e quella per la melodia. E’ originale quanto solida l’amicizia tra due acclamati musicisti di fama internazionale: Stefano Cocco Cantini e Simone Zanchini.

Sassofonista il primo, (compagno di palco, tra gli altri di Michel Petrucciani e Chet Baker), fisarmonicista il secondo (dal 1999 con i Solisti dell’orchestra della Scala di Milano). La loro diversità, sul palco, si trasforma in una grande forza espressiva. Assistere ad un loro live diventa , di conseguenza, occasione imperdibile.

Il cartellone dei “sabato in concerto jazz” della Fondazione Pescarabruzzo, organizzati dall’associazione culturale Archivi Sonori, con la direzione artistica di Maurizio Rolli, riprende nel 2013 con un vero e proprio concerto-evento.

Il “Biker’s duo” di Stefano Cocco Cantini e Simone Zanchini arriva alla Masion Des Arts, in corso Umberto 83 a Pescara, sabato 12 gennaio (inizio concerto ore 18,  ingresso libero dalle 17.30 e fino ad esaurimento posti) per regalare un affascinante repertorio fatto di composizioni originali dei musicisti e famosi brani internazionali.

Ma è solo una prima indicazione di partenza.

La possibilità di scambiarsi continuamente i ruoli e di degustare appieno le possibilità timbrico-dinamiche dei rispettivi strumenti dà, agli artisti, la capacità di coinvolgere sia gli amanti del Jazz sia gli estimatori della musica classica. Gli esiti sono sempre diversi, quanto imprevedibili.

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.