Francavilla al Mare (CH). MOSTRA PERSONALE DI MIRTA MARANCA , MUSEO MICHETTI .

18 marzo 2017 00:240 commentiViews: 40

Donne : Profumo di Speranza.

DANZANDO KALINKA , 2016

DANZANDO KALINKA , 2016

SABATO  25 MARZO alle ore 18.30 ci sarà l’inaugurazione della mostra personale  della pittrice MIRTA MARANCA nel MUSEO MICHETTI DI FRANCAVILLA  AL MARE (CH)dal 25 Marzo al 2 Aprile.  La Mostra intitolata “Donne:  Profumo di Speranza” sarà visibile  dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20. La Mostra con la direzione artistica di Sandro Lucio Giardinelli, sarà presentata dal critico d’arte  Giuseppe Bacci.

locandina con dati da mettere nel comunicato stampa .

In contemporanea danzeranno le ballerine di “Bellydance School Jasmin Company”e “Tribal Queens”, la SCUOLA LA  FATA MORGANA di OLGA GENERALOVA , la ballerina Stefania De IULIS ECC.

“Pur rimanendo in terra d’Abruzzo Mirta Maranca  si annovera tra gli artisti viaggiatori. Dal continente africano , all’Egitto ,  lo sguardo della pittrice si posa   su popolazioni sud americane ed asiatiche, e su riti e danze extraeuropee, cosicché nei suoi quadri  si possono ammirare donne che volteggiano in antichi passi  di danza  tramandati a noi  da una cultura millenaria che affascinano con i loro  eleganti costumi ambientati tra scene  di spettacolari  scorci di montagne, palme  e limpide acque rispondendo al connaturale rapporto  tra due o  più culture  che comporta  l’arricchimento  reciproco  di conoscenza,  predispone  allo stupore  dell’esplorazione  intellettuale  e conduce all’incontro  con l’altro.”  Giuseppe Bacci

“Mirta Maranca ,penetrando nel magico mondo del mito , crea un repertorio immaginifico di figure che superando il presente , conducono la riflessione all’origine del tempo scavando all’interno dello spettatore  percorsi misteriosi all’interno dei quali ogni forma diviene un simbolo ”.Franco Spena

E UMBERTO PIERSANTI aggiunge “ Attraverso il mito la pittrice abruzzese ci racconta l’eterna vicenda dell’uomo che passa fra strade di luci e colori continuamente minacciato dal buio delle cose e della mente”.

“Mirta Maranca vede le cose da prospettive diverse , ma la carica mitica e simbolica connota comunque il suo lavoro”

“ Il mito ci racconta vicende remote e fantastiche ma che ci invadono e ci premono dentro più delle opere e i giorni , delle faccende quotidiane attraverso le quali scorre la vita ”.

print

Tags:

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi