Italia. La Destra: SIGNORAGGIO BANCARIO

10 gennaio 2012 00:480 commentiViews: 32

SIGNORAGGIO BANCARIO

Da qualche tempo Beppe Grillo, Roberto Benigni ed altri, parlano del signoraggio bancario. Su internet se ne discute tanto. Pochi lo conoscono. Tutti ne sono servi. Pochi lucrano sullo stesso signoraggio a spese delle tasche di noi TUTTI.

Quello che pochi sanno, ma che necessariamente devono sapere, riguardo al signoraggio bancario, e che vi è stato un esponente di spicco che, giocandosi in prima persona, ha cercato di combattere questa “rapina legalizzata”. Il professor Giacinto Auriti[1].

Quello che pochi sanno, che Grillo, come Benigni e gli altri non dicono: solo gli esponenti di destra, fino ad oggi, hanno agito contro il signoraggio bancario. Cronologicamente:

Senato della Repubblica, progetto di legge n. 1282 dell’11 gennaio 1995, primo firmatario Sen. Luigi Natali (M.S.I.-A.N.);

Senato della Repubblica, progetto di legge n. 1889 dell’11 febbraio 1997, primo firmatario Sen. Antonino Monteleone (A.N.);

Camera dei Deputati, progetto di legge n. 6108 del 3 ottobre 2005 e n. 778 del 18 maggio 2006, firmatario On. Teodoro Buontempo (La Destra).

Un ottimo resoconto di queste proposte di legge, anche se si parla solo della prima, è stata scritta da Antonio Pantano: “ … L’11 gennaio 1995 il senatore Luigi Natali fu primo firmatario del disegno di legge n. 1282, sottoscritto da altri 17 senatori di cinque differenti partiti – da Alleanza Nazionale a Rifondazione Comunista – composto di due soli articoli, il secondo dei quali stabiliva attribuzione a ciascun cittadino dei proventi della circolazione monetaria e delle attività dello Stato, mediante il “codice dei redditi sociali” di segno opposto al “codice fiscale” che ci fu imposto solo per pagare. Fu la proposta “Auriti”, dal nome dell’Abruzzese Maestro di diritto che la concepì, e che io, Antonio Pantano, ben conosco, per esser stato, insieme al vecchio incomparabile senatore Natali ed all’attivo Giacinto Auriti, presentatore “laico” in una sala del Senato , in via Santa Caterina da Siena, in quel lontano gennaio. Va chiarito che, finito il turno parlamentare, Natali – primo senatore non comunista eletto ad Ascoli Piceno – non fu ricandidato dal capetto del suo partito, che gli preferì l’amica-vedova di un noto personaggio televisivo ( favore al boss di Arcore ! ), ed il senatore Angelo Orlando, di Rifondazione Comunista, ad arte spostato di collegio, non fu fatto approdare in Senato, così come quasi tutti i firmatari, sia di AN, che dell’Udc, che di Forza Italia ed altri. Riprova che chi, in parlamento, vuol operare per il Popolo ed i Cittadini, viene radiato dal sistema consociativo mafioso, di stretta obbedienza dei satrapi apolidi del denaro sovrannazionale.”[2].

Oggi LA DESTRA, vera ed unica erede e promotrice del movimento contro il signoraggio bancario, rivendica la paternità di questa lotta, è non ci sta che avvenga  come con i referendum sull’acqua. Battaglia che il M.S.I. portava avanti dagli anni ’70.

Per chi legge e per quelli che vogliono conoscere la realtà del signoraggio bancario, senza essere sviati da quelle persone che, per “malcelati interessi” cercano di sviare i Cittadini dalla realtà, proponiamo i link sotto indicati[3], che, nella verità, spiegano e dimostrano l’odierna “mammona” del signoraggio bancario.

LA DESTRA scenderà in piazza il 4 febbraio, contro il governo delle banche, contro il signoraggio bancario.

LA DESTRA non agisce solo a parole, come è comunque giusto, ma PROPONE, si fa carico del malcontento popolare, si fa portavoce di tutte quelle persone che, impossibilitate, vogliono manifestare il proprio LIBERO pensiero agli organismi Costituzionali e governativi.

LA DESTRA, sia a livello Nazionale[4] che locale[5], PROPONE, non parla solamente, ma agisce e indica soluzioni efficaci ed economiche, a favore di ogni singolo Cittadino, senza alcuna discriminazione, con vera equità per tutti.

Che la verità sia divulgata con ogni mezzo, e l’equità sia operata a tutti i livelli e settori.

Al Cittadino che lavora, al Cittadino che vuol essere libero, al Cittadino che vuol vivere degnamente, al Cittadino che vuol essere padrone del suo lavoro – senza pagare i debiti degli altri, diciamo: vieni con noi a Roma il 4 febbraio, e se non puoi venire, sostieni chi si fa portavoce, con impegno e realmente, dei tuoi problemi. Con tutti i tuoi mezzi: aderendo, esprimendo il tuo assenso su internet, divulgando il nostro operato, facendo sentire la tua voce presso di noi.

SIAMO PRESENTI ANCHE PER TE.


[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Giacinto_Auriti

[2] [2] http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=10979

[3] http://pensareliberi.com/2011/09/12/il-signoraggio-bancario-spiegato-a-mio-figlio/

http://www.youtube.com/watch?v=2PRRk-YM4rM

http://www.youtube.com/watch?v=vP6KeW4msKs&feature=watch_response

http://www.youtube.com/watch?v=i_J6hzNuEpQ&feature=related

[4] http://www.partitoladestra.com/ e http://www.ladestranews.it/

[5] Vedi per alcuni comunicati: https://plus.google.com/106252604865890160542/posts

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi